Aveva cambiato città per sfuggire all’uomo con cui aveva avuto una relazione e che aveva cominciato a perseguitarla. Ma non solo: aveva ottenuto un nuovo numero di telefono, cassato l’account di Facebook. Ma lo stalker è riuscita a rintracciarla a causa di una lettera inviata da un gestore dell’energia che il persecutore avrebbe ricevuto per errore carpendo dati che per lui era diventati inaccessibili.

La donna nel 2015 si era rivolta alle forze dell’ordine e il questore di Bari, dove viveva, aveva emesso un ordine di non avvicinamento. Ma era servito a poco. Poi la scelta di cambiare città e vita. Nel 2019 il trasferimento a Torino. Durante la pratica che era stata avviato per allacciare una fornitura di gas, il gestore ha inviato una mail. Alla donna non è rimasto altro che presentarsi in Questura e presentare la denuncia perché lo stalker ha ripreso a cercarla, inviare messaggi e lei a temere per la sua vita e per quella dei suoi parenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, gli auguri di Minniti a Lamorgese: “Il ministero è tornato in buone mani”

prev
Articolo Successivo

Si filmano mentre vanno a sbattere a 160 all’ora. Mistero sull’incidente che spopola in rete: “Muoio stasera”

next