Lo hanno pestato lasciandolo a terra con la faccia tumefatta e sanguinante e hanno anche provato a “rompergli una gamba”, provocandogli dei danni che potrebbero lasciarlo per un po’ lontano dai campi di gioco. Brutta aggressione quella subita da Danny Drinkwater, centrocampista ex Chelsea e Leicester, ora in prestito al Burnley, fuori da un locale di Manchester, dove il 29enne calciatore inglese era andato a passare la serata.

Secondo quanto riportano i media inglesi, Drinkwater è stato coinvolto in una discussione con un collega, Kgosi Ntlhe, difensore sudafricano dello Scunthorpe United, alla cui compagna il centrocampista del Burnley ha rivolto “pesanti apprezzamenti”. Avvertita la sicurezza, Drinkwater è stato accompagnato fuori dal locale ed è lì che sei uomini lo hanno aggredito: calci e pugni, mentre alcuni di loro hanno saltato sulla caviglia del calciatore per “rompergli la gamba”, mentre il sangue si riversava “ovunque”, hanno raccontato i testimoni. Proprio i colpi ricevuti sull’arto lo terranno fuori dai campi per un po’ di tempo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Europei 2020, Finlandia-Italia 1-2: gol di Immobile e rigore di Jorginho, 6a vittoria di fila. Azzurri ipotecano la qualificazione

prev
Articolo Successivo

San Siro, la proposta del sindaco Sala a Inter e Milan: “Disponibile anche a vendere lo stadio”. La via per uscire dallo stallo e salvare il Meazza

next