Lo hanno pestato lasciandolo a terra con la faccia tumefatta e sanguinante e hanno anche provato a “rompergli una gamba”, provocandogli dei danni che potrebbero lasciarlo per un po’ lontano dai campi di gioco. Brutta aggressione quella subita da Danny Drinkwater, centrocampista ex Chelsea e Leicester, ora in prestito al Burnley, fuori da un locale di Manchester, dove il 29enne calciatore inglese era andato a passare la serata.

Secondo quanto riportano i media inglesi, Drinkwater è stato coinvolto in una discussione con un collega, Kgosi Ntlhe, difensore sudafricano dello Scunthorpe United, alla cui compagna il centrocampista del Burnley ha rivolto “pesanti apprezzamenti”. Avvertita la sicurezza, Drinkwater è stato accompagnato fuori dal locale ed è lì che sei uomini lo hanno aggredito: calci e pugni, mentre alcuni di loro hanno saltato sulla caviglia del calciatore per “rompergli la gamba”, mentre il sangue si riversava “ovunque”, hanno raccontato i testimoni. Proprio i colpi ricevuti sull’arto lo terranno fuori dai campi per un po’ di tempo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europei 2020, Finlandia-Italia 1-2: gol di Immobile e rigore di Jorginho, 6a vittoria di fila. Azzurri ipotecano la qualificazione

next
Articolo Successivo

San Siro, la proposta del sindaco Sala a Inter e Milan: “Disponibile anche a vendere lo stadio”. La via per uscire dallo stallo e salvare il Meazza

next