L’uomo che ha dato un calcio al bambino di 3 anni di origini marocchine solo perché si era avvicinato alla carrozzina della figlia neonata è il fratello di un pentito di camorra che si trovava in un luogo protetto del cosentino. Denunciati per lesioni personali aggravate, l’uomo e la moglie sono stati allontanati dalla Calabria e trasferiti in altra località protetta. Secondo quanto si è appreso, le immagini delle telecamere di videosorveglianza visionate dagli agenti di Cosenza non hanno ripreso la violenza subita dal bambino, ma dai filmati è stato possibile rintracciare diversi testimoni. Questi sono stati ascoltati e hanno portato all’identificazione della giovane coppia.

La madre del bambino ha dichiarato che anche i 3 fratelli hanno riconosciuto l’uomo: “I miei figli hanno visto quell’uomo vicino alla questura e mi hanno detto che era quello che li aveva aggrediti”. La donna ha anche raccontato di essere intervenuta in prima persona, difendendo in modo pacifico il figlio: “L’ho affrontato e gli ho chiesto: perché? Lui ha detto di non sapere che cosa volevo e stava andandosene per cui sono corsa ad avvertire i poliziotti”. Si tratta di un’ulteriore conferma all’identificazione del 24enne. “Siamo qui dal 2003 e non mi era mai capitata una cosa del genere”, ha commentato.

Il 6 settembre, il bambino stava andando a comprare un gelato insieme ai fratelli di 8 e 10 anni quando, incuriosito, si era avvicinato alla coppia con la neonata. A quel punto l’uomo, un 24enne, lo aveva colpito con un calcio all’addome facendogli fare un volo a 2 metri di distanza. Il piccolo era stato quindi soccorso dai testimoni increduli che avevano subito chiamato il 118 e fortunatamente non ha riportato lesioni gravi.

Nel frattempo la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha pubblicato un post su Facebook in cui definisce l’episodio “ignobile e raccapricciante. Un atto disumano che mi lascia senza parole”. “I responsabili – aggiunge – paghino severamente per quello che hanno fatto. Al piccolo e alla sua famiglia il mio abbraccio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alan Kurdi, evacuati 5 migranti. Cecilia Strada: “Uno ha cercato di togliersi la vita”. Orfini (Pd): “Ora discontinuità: via le politiche di Salvini”

next
Articolo Successivo

Governo, insulti sessisti a ministro De Micheli da un attivista di Casapound. E’ rivolta nel Pd. Zingaretti: “I vigliacchi vanno sempre isolati”

next