Sarà l’ex capogruppo M5s al Senato, Stefano Patuanelli, a raccogliere l’eredità di Luigi Di Maio come titolare del Ministero dello Sviluppo economico. “Sono molto felice, ci sono tanti dossier sul tavolo da affrontare in fretta. Il mio predecessore ha fatto un ottimo lavoro, avrò il lavoro spianato”, ha spiegato dopo l’annuncio da parte di Giuseppe Conte della lista dei neoministri al Quirinale. Tradotto, come precisa, sarà “una gestione in continuità con quella di Di Maio, non vedo perché dovrei cambiare”. E ancora: “Dobbiamo creare lavoro e dobbiamo continuare a produrre, serve un patto verde, l’ambiente deve diventare un motore economico per questo Paese”, ha continuato. E sul nodo Alitalia, possibile terreno di attriti con i dem, rivendica: “Basta interventi ogni 5 anni, la nostra compagnia ha pagato a caro prezzo una gestione non molto brillante. Vorrei essere io l’ultimo ministro ad occuparmene“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, il neo ministro dell’Economia Gualtieri alle prese con “Bella ciao”: l’esibizione con la chitarra

next
Articolo Successivo

Governo Conte 2, ecco i ministri del nuovo esecutivo M5s-Pd: da Gualtieri al Tesoro a Lamorgese all’Interno. Tutte le biografie

next