Il più giovane governo della storia repubblicana. È il record già registrato dal secondo esecutivo presieduto di Giuseppe Conte. Con i suoi 47,4 anni di media, batte sia il governo Renzi (47,8) che il Conte 1, fermo a 50. A fare la differenza è di nuovo Luigi Di Maio, che ad appena 33 anni abbassa in maniera evidente la media e sarà il più giovane ministro degli Esteri della Storia. Poco più anziani Fabiana Dadone, 35enne ministra della Pubblica amministrazione, e Giuseppe Provenzano, che ne ha 37 e la delega al sud. Per il resto il Conte 2 è un esecutivo di quarantenni (sono 10 su 21), composto da 14 uomini e 7 donne: cioè un terzo del totale e due in più rispetto a quelle che giurarono al Quirinale nel 2018.

Rispetto al giugno dell’anno scorso cambiano gli alleati ma anche la natura dello stesso esecutivo: tutti i dicasteri sono occupati da politici a parte il Viminale, affidato a Luciana Lamorgese, unica tecnica. Nel governo gialloverde, invece, gli autonomi erano tre e tutti con dicasteri importanti: Paolo Savona agli Affari Ue, Enzo Moavero Milanesi agli Esteri, e Giovanni Tria al Tesoro. Cambiano anche i rapporti di forza tra i due partiti: nel Conte 1 c’erano 6 ministri della Lega e 8 del M5s. Adesso i grillini hanno 10 ministeri, i dem 9 che diventano 10 se si conta anche Roberto Speranza di LeU.

Si abbassa il titolo di ministro più anziano: nel 2018 era Savona, che a 81 anni e 7 mesi divenne il ministro più anziano della Repubblica. Adesso è Lamorgese, 66 anni tra una settimana. Cambia anche la provenienza dei ministri, con il Sud che prevale leggermente: sono 11 i ministri nati in regioni del Sud Italia. Quella più rappresentata è la Campania (Di Maio, Vincenzo Spadafora, Enzo Amendola, Sergio Costa) con 4 ministri, seguita dalla Sicilia (3, cioè Alfondo Bonafede, Giuseppe Provenzano, Nunzia Catalfo), la Basilicata (2, Lamorgese e Roberto Speranza), Puglia (2, Francesco Boccia e Teresa Bellanova). Quelli nati nel Nord Italia sono invece 8 con Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna che hanno un paio di ministri a testa. Due i romani, cioè il nuovo titolare del Tesoro, Roberto Gualtieri, e Lorenzo Fioramonti, promosso da viceministro a ministro dell’Istruzione. Un anno e mezzo fa su 18 ministri, 6 erano lombardi. Il sottosegretario alla presidenza, che è Riccardo Fraccaro, proviene dal Trentino (ma è nato in Veneto), il premier Conte come è noto è pugliese.

Rispetto al precedente esecutivo, rimangono al governo in sei di cui tre ministri: Alfonso Bonafede resta alla Giustizia, Sergio Costa all’Ambiente, Luigi Di Maio trasloca dal Lavoro e Sviluppo Economico agli Esteri. Poi ci sono due promozioni: Vincenzo Spadafora passa da sottosegretario con delega alle Pari opportunità a ministro dello Sport e Politiche Giovanili, Fioramonti da viceministro dell’Istruzione a ministro. Fraccaro, invece, lascia il ministero dei Rapporti con il Parlamento per la poltrona di sottosegretario alla presidenza. Nel Pd tornano ministri Dario Franceschini (sempre ai Beni Culturali, come con Matteo Renzi e Paolo Gentiloni), e vengono promossi Enzo Amendola agli Esteri (è stato sottosegretario sempre negli esecutivi dem) e Teresa Bellanova all’Agricoltura (era viceministro allo Sviluppo Economico). Molto bassa l’età media: con 47 anni di media si tratta probabilmente di uno degli esecutivi più giovani della storia. Le professioni più diffuse, invece, sono l’avvocato e il professore universitario. Solo 4 i ministri senza laurea: Di Maio, Spadafora, Enzo Amendola e Nunzia Catalfo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo Conte 2, diretta – Nasce l’esecutivo M5s-Pd: giurerà giovedì. Prima fiducia lunedì alla Camera. Di Maio: “Ambizione e coraggio”

next
Articolo Successivo

Governo, da Patuanelli a Catalfo e Dadone: la discontinuità M5s del Conte 2. E per l’Innovazione il premier punta sull’esperta del digitale

next