Dopo la rinuncia di Luigi Di Maio al ruolo di vicepresidente del Consiglio, è il segretario del Partito democratico, Nicola Zingaretti, a rivendicare “passi in avanti” verso “un governo di svolta vera“. “Questo serve all’Italia, che riaccenda i motori dell’economia, che nell’ultimo anno si è fermata, che tagli le tasse sul lavoro, per aumentare i salari specialmente quelli più bassi, che investa nella Green Economy e sulla scuola, che modifichi i decreti sicurezza“, ha aggiunto.”Se si stanno facendo, come pensiamo che si stiano facendo, per fortuna, passi in avanti in questa direzione, ovviamente noi siamo fiduciosi e ottimisti e continueremo a lavorare per questo risultato”, ha continuato il segretario dem, alla vigilia del voto degli iscritti M5s sulla piattaforma Rousseau.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Maio: “Conte premier migliore per l’Italia”. E agli iscritti M5s: “Non c’è più problema vice, il Pd ha fatto un passo indietro”

next
Articolo Successivo

Sondaggi, il 90% degli elettori Pd è a favore di Conte. Lega perde 4,4 punti in un mese. M5s ne guadagna 4,1 e supera il Pd

next