Dopo la rinuncia di Luigi Di Maio al ruolo di vicepresidente del Consiglio, è il segretario del Partito democratico, Nicola Zingaretti, a rivendicare “passi in avanti” verso “un governo di svolta vera“. “Questo serve all’Italia, che riaccenda i motori dell’economia, che nell’ultimo anno si è fermata, che tagli le tasse sul lavoro, per aumentare i salari specialmente quelli più bassi, che investa nella Green Economy e sulla scuola, che modifichi i decreti sicurezza“, ha aggiunto.”Se si stanno facendo, come pensiamo che si stiano facendo, per fortuna, passi in avanti in questa direzione, ovviamente noi siamo fiduciosi e ottimisti e continueremo a lavorare per questo risultato”, ha continuato il segretario dem, alla vigilia del voto degli iscritti M5s sulla piattaforma Rousseau.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Maio: “Conte premier migliore per l’Italia”. E agli iscritti M5s: “Non c’è più problema vice, il Pd ha fatto un passo indietro”

next
Articolo Successivo

Sondaggi, il 90% degli elettori Pd è a favore di Conte. Lega perde 4,4 punti in un mese. M5s ne guadagna 4,1 e supera il Pd

next