Alla vigilia del voto sulla piattaforma Rousseau, arrivanoi primi appelli in casa M5s per il via libera al governo Conte 2 con il Partito democratico, da Di Stefano a Spadafora. Intanto,un vertice si è tenuto in un palazzo romano tra lo stesso capo politico Luigi Di Maio e l’ex deputato Alessandro Di Battista. Poca voglia di parlare alla fine, con il capo politico che dribbla i cronisti, mentre Di Battista spiega: “Come voto? Mai detto in vita mia, mai dichiarato“, ha tagliato corto, senza svelare la sua preferenza. E poi ripartire, senza nemmeno esprimersi sul fatto se il voto debba o meno considerarsi vincolante per la nascita dell’esecutivo Conte insieme ai dem.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, l’esponente più giovane dell’Assemblea del Pd a Grillo: “Ci siamo, rivoluzioniamo la politica. Dacci una mano”

next
Articolo Successivo

Governo, Spadafora (M5s): “Voto su Rousseau? Confido che gli attivisti ci diano fiducia”

next