Esordio sul velluto per l’Italia ai Mondiali di basket in Cina. Gli azzurri hanno sconfitto le Filippine per 108-62 nella prima partita del girone. Quaranta minuti senza storia, indirizzati fin dalla palla a due dagli uomini di Meo Sacchetti. Dopo 3′ la Nazionale era sul 9-2, ampliato di giocata in giocata – grazie a un’ottima difesa – fino al 37-8 di fine primo quarto. Un gap già irrecuperabile per la nazionale filippina.

A spingere l’Italia sono state in particolare le giocate di Gigi Datome (17 punti) e Danilo Gallinari (16). Il dominio degli azzurri è tutto nei numeri: 39/67 al tiro (58%) con il 67% da 2 (24/36) e il 48 da 3 (15/31). Mentre le Filippine, aggrappate ai punti dei solo Andray Blatche e Jeremy Perez, si sono fermate al 39% dal campo, con un misero 13 per cento dalla lunga distanza.

L’Italbasket parte così con il piede giusto nei Mondiali, dopo 13 anni di assenza e un percorso di avvicinamento che aveva lasciato l’amaro in bocca a molti, a causa di sei sconfitte consecutive.

Invece la prima impressione della squadra di Sacchetti – in attesa del test proibitivo contro la Serbia, vice-campione del mondo – è stata quella di un gruppo con voglia di sacrificarsi e che nell’ultima settimana è riuscito a trovare anche meccanismi offensivi in grado di garantire l’apporto di tutti. Il prossimo impegno dell’Italia – spartiacque per la qualificazione – sarà il 2 settembre alle 9.30 contro l’Angola, battuta all’esordio per 105-59 dalla Serbia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Champions, il discorso di Cantona è surreale: la reazione di giocatori e dirigenti è imperdibile

next
Articolo Successivo

Formula 2, grave incidente durante il Gran Premio del Belgio: morto Anthoine Hubert, pilota di 22 anni

next