Poco prima del sorteggio per i gironi di Champions League, a Montecarlo, Eric Cantona è stato chiamato sul palco per ritirare il premio Uefa President’s Awards. “Cosa le passa per la testa in questo momento?” è stata la domanda, fatidica, del presentatore all’ex calciatore francese. Che in un minuto di discorso ha parlato in modo incomprensibile di guerre, scienza, cellule e dèi. E non di calcio. Stupore tra dirigenti e giocatori, inquadrati in platea a bocca aperta. Quando Cantona finisce l’intervento e ringrazia, i classici 4-5 secondi di imbarazzo prima dell’applauso, segno dello smarrimento del pubblico.

Video Uefa

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olimpiadi dei giochi mentali: un evento unico e sconosciuto che merita un salto di qualità

next
Articolo Successivo

Mondiali di basket, Italia-Filippine 108-62: esordio sul velluto per gli azzurri in Cina

next