Lo spazio si candida a diventare la nuova frontiera della ricerca contro il cancro. Stando a uno studio australiano le condizioni di gravità simili a quelle presenti nella Stazione spaziale internazionale (Iss) hanno avuto un effetto sulle cellule tumorali: “In 24 ore, in questa condizione di micro-gravità, l’80-90% delle cellule muore senza trattamento farmacologico”, afferma Joshua Chou dell’Università della Tecnologia di Sydney (Uts), che ha messo a punto un nuovo device in grado di replicare condizioni di gravità vicine allo zero.

“Abbiamo inserito nel simulatore quattro diversi tipi di tumori: alle ovaie, al seno, al naso e ai polmoni – ha spiegato Chou alla Abc – Riducendo la gravità, abbiamo registrato che le cellule non riescono più a comunicare tra loro. Un effetto che incide sulla loro sopravvivenza”.

L’ipotesi suggerita dalla ricerca australiana è che i tumori non possano più percepire ciò che li circonda, e quindi le cellule malate entrano nello stato di apoptosi o morte cellulare. Ora si aspetta di sperimentare direttamente nello spazio. “Ci sono dei problemi da superare per poter avviare lo studio nella stazione spaziale, limiti di peso e di ingombro. E servono almeno 200mila dollari di investimenti per trovare soluzioni miniaturizzate al device“, ha precisato Chou. “Nella mia testa – ha aggiunto – le possibilità offerte da questa sperimentazione non sono una cura, la pallottola d’oro per sconfiggere il cancro, ma qualcosa che possa funzionare parallelamente alle terapie esistenti, ai trattamenti farmacologici e così via, per aiutare ad aumentare l’efficienza delle terapie attualmente in uso“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Soyuz, robot cosmonauta Fyodor è riuscito ad attraccare alla Stazione spaziale

next
Articolo Successivo

Cervello, “ringiovanite cellule progenitrici” in un esperimento su topi

next