È lo sciopero più lungo nella storia del Land della Renania-Palatinato. Circa 130 lavoratori delle fabbriche di Treviri e Horath del gruppo siderurgico italiano Riva incrociano le braccia da 12 settimane per chiedere ai vertici dell’azienda ex proprietaria dell’Ilva di Taranto di applicare il contratto collettivo di settore firmato a marzo. Che prevede un incremento salariale del 3,7% più 1000 euro convertibili in giornate di ferie.

Oggi, lamenta il potente sindacato dei metalmeccanici Ig Metall, i loro salari sono dal 20 al 30% al di sotto del livello previsto da quell’accordo. I colleghi del Brandeburgo, che a fine luglio dopo tre scioperi di avvertimento hanno avuto la meglio e ottenuto quello che chiedevano, li sostengono e oggi hanno manifestato in loro favore a Berlino vicino alla centralissima Alexander Platz. “Duri come l’acciaio per il contratto”, era uno degli slogan scritti su uno striscione della “manifestazione di solidarietà est-ovest” organizzata dal sindacato. “Solidarietà internazionale”, hanno scandito i manifestanti che mostravano anche altri due striscioni rossi su cui la parola “solidarietà” era scritta in quattro lingue tra cui l’italiano. Accompagnati da una chitarra e una tuba, i manifestanti hanno intonato un vecchio inno sindacale dal titolo “Nessuno ci spinge via”.

Il ministro del Lavoro tedesco, il socialdemocratico (Spd) Hubertus Heil, a margine della manifestazione si è augurato che “attraverso trattative si giunga a una soluzione”. “Abbiamo una buona tradizione di bilanciamento di interessi e partenariato sociale”, ha ricordato Heil dopo aver ribadito di non voler intervenire nella vertenza e di sperare “che entrambe le parti si vengano incontro e trovino un bilanciamento di interessi per tutti gli impianti”. “Come socialdemocratico e membro dell’Ig Metall”, il sindacato dei metallurgici tedeschi, “ho grande comprensione per la vostra lotta e mi auguro che ce la facciate; che la controparte sia pronta a discutere e si sieda al tavolo” delle trattative, ha detto parlando ai circa cento partecipanti al raduno. “E’ il minimo che si cerchi di arrivare a colloqui e a una soluzione”.

La ministra del lavoro del Land della Renania-Palatinato, Sabine Paetzing, ha scritto una lettera al numero uno Claudio Riva chiedendo di trovare una soluzione al tavolo delle trattative per arrivare a una conciliazione, riferisce il sindacato. Finora l’azienda ha rifiutato l’arbitrato proposto da Ig Metall.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, gli extracomunitari ancora senza beneficio: esame domande fermo da aprile perché manca un decreto attuativo

prev
Articolo Successivo

Lavoro, a luglio autorizzato il 33,5% in più di ore di cassa integrazione. Boom della cig straordinaria: +50,2% anno su anno

next