È lo sciopero più lungo nella storia del Land della Renania-Palatinato. Circa 130 lavoratori delle fabbriche di Treviri e Horath del gruppo siderurgico italiano Riva incrociano le braccia da 12 settimane per chiedere ai vertici dell’azienda ex proprietaria dell’Ilva di Taranto di applicare il contratto collettivo di settore firmato a marzo. Che prevede un incremento salariale del 3,7% più 1000 euro convertibili in giornate di ferie.

Oggi, lamenta il potente sindacato dei metalmeccanici Ig Metall, i loro salari sono dal 20 al 30% al di sotto del livello previsto da quell’accordo. I colleghi del Brandeburgo, che a fine luglio dopo tre scioperi di avvertimento hanno avuto la meglio e ottenuto quello che chiedevano, li sostengono e oggi hanno manifestato in loro favore a Berlino vicino alla centralissima Alexander Platz. “Duri come l’acciaio per il contratto”, era uno degli slogan scritti su uno striscione della “manifestazione di solidarietà est-ovest” organizzata dal sindacato. “Solidarietà internazionale”, hanno scandito i manifestanti che mostravano anche altri due striscioni rossi su cui la parola “solidarietà” era scritta in quattro lingue tra cui l’italiano. Accompagnati da una chitarra e una tuba, i manifestanti hanno intonato un vecchio inno sindacale dal titolo “Nessuno ci spinge via”.

Il ministro del Lavoro tedesco, il socialdemocratico (Spd) Hubertus Heil, a margine della manifestazione si è augurato che “attraverso trattative si giunga a una soluzione”. “Abbiamo una buona tradizione di bilanciamento di interessi e partenariato sociale”, ha ricordato Heil dopo aver ribadito di non voler intervenire nella vertenza e di sperare “che entrambe le parti si vengano incontro e trovino un bilanciamento di interessi per tutti gli impianti”. “Come socialdemocratico e membro dell’Ig Metall”, il sindacato dei metallurgici tedeschi, “ho grande comprensione per la vostra lotta e mi auguro che ce la facciate; che la controparte sia pronta a discutere e si sieda al tavolo” delle trattative, ha detto parlando ai circa cento partecipanti al raduno. “E’ il minimo che si cerchi di arrivare a colloqui e a una soluzione”.

La ministra del lavoro del Land della Renania-Palatinato, Sabine Paetzing, ha scritto una lettera al numero uno Claudio Riva chiedendo di trovare una soluzione al tavolo delle trattative per arrivare a una conciliazione, riferisce il sindacato. Finora l’azienda ha rifiutato l’arbitrato proposto da Ig Metall.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, gli extracomunitari ancora senza beneficio: esame domande fermo da aprile perché manca un decreto attuativo

next
Articolo Successivo

Lavoro, a luglio autorizzato il 33,5% in più di ore di cassa integrazione. Boom della cig straordinaria: +50,2% anno su anno

next