Occorre “preparare le basi di una maggioranza costruita attorno a un progetto di lunga durata, sottoscritto in modo preciso da tutti i componenti della coalizione”. In un editoriale sul Messaggero, Romano Prodi lancia il progetto “Orsola”.

Pd e M5s dovrebbero dare vita a un governo di legislatura basato su un contratto simile a quello sul quale è fondato il governo tedesco, argomenta l’ex presidente del Consiglio. In Germania ci sono riusciti nonostante la distanza raggiunta in molti ambiti nell’ultima campagna elettorale tra le posizioni dei democristiani della Cdu e quelle dei socialisti della Spd. “Ciò è stato possibile grazie a una lunga trattativa nella quale sono stati definiti non sono gli orientamenti politici – spiega il professore – ma anche le priorità delle decisioni e i numeri degli impegni finanziari necessari per metterle in atto. Un accordo completo, rigoroso e analitico“. Da cui, cioè, poi non sia facile svicolare all’occorrenza.

Il progetto, prosegue Prodi, deve iscriversi chiaramente in un quadro ispirato ai valori europei. “Poiché le tensioni nel governo per ora in carica sono divenute ingestibili solo dopo la divisione fra Lega e 5Stelle sul voto europeo – spiega il professore – chiaro che l’accordo deve prima di tutto fondarsi sul reinserimento dell’Italia come membro attivo dell’Unione europea“. Un inquadramento che richiede la costruzione di un forte significato simbolico, a partire dal nome dell’intera operazione: “Forse bisognerebbe battezzare questa necessaria coalizione filo europea ‘Orsola‘, cioè la versione italiana del nome della nuova presidente della Commissione europea”.

Secondo punto, i contenuti. Dovrebbe essere un accordo duraturo, che contenga, “in modo preciso e analitico, i provvedimenti e i numeri della prossima legge finanziaria“. Si dovrebbe pensare, per Prodi a “politiche dedicate in modo organico a due fondamentali obiettivi: la riorganizzazione degli strumenti necessari per la ripresa economica e la messa in atto di una politica socialmente avanzata, che passi per la difesa del welfare, scuola e sanità, “messe pericolosamente a rischio dalla politica degli ultimi anni”. Tutte misure (compreso il ridiscutere con i partner europei l’accoglienza e l’inserimento dei migranti) per superare quelle paure che “sommate assieme stanno disgregando l’Italia”.

Secondo Prodi, in particolare un dibattito nel Pd è necessario così che “la posizione prevalente possa portare avanti in modo credibile e fermo le decisioni prese, senza che esse vengano continuamente messe in discussione anche ponendo sul tavolo ipotesi di scissione” e per preparare una posizione unitaria sul grande problema delle autonomie che debbono tutti gli italiani “come veri protagonisti”.

Sul possibile accordo tra Pd e 5 stelle è tornato a parlare anche Matteo Renzi. Che mette in un’intervista al Giornale mette in guardia i dem: “Sarà la sinistra a costituzionalizzare M5S o M5S a grillizzare la sinistra?”, domanda l’ex premier. “E’ il grande rischio di questa operazione”, spiega. “Dal giorno dopo, la questione Pd sarà questa. Io resto fiducioso – dichiara Renzi – ma molto dipenderà dall’accordo di governo”. Che parte faranno i renziani? “Faremo ciò che serve al Paese. Voteremo la fiducia, non chiederemo neppure uno strapuntino per noi e faremo proposte concrete per mettere in sicurezza l’Italia. Poi faremo il punto alla Leopolda dal 18 ottobre”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, Toti: “Compromessi al ribasso non fanno bene all’Italia. Spinta propulsiva finita”

prev
Articolo Successivo

Open Arms, Salvini: “Chi la dura la vince, non sbarcano in Italia. La Spagna ha aperto i porti”

next