Dal 31 ottobre la normativa europea non si applicherà più alla Gran Bretagna: il ministro britannico per la Brexit, Steve Barclay, ha infatti firmato la legge che cancella l’atto del 1972 che sanciva l’adozione delle leggi europee da parte del Regno Unito. Lo riferisce un comunicato del governo britannico sottolineando che si tratta di “un passo storico per il ritorno dei poteri legislativi da Bruxelles al Regno Unito”. L’annullamento dell’European Communities Act entrerà in vigore il giorno in cui la Gran Bretagna lascerà l’Unione europea, con o senza accordo.

Nel suo primo discorso da primo ministro britannico, Boris Johnson – che vuole chiudere la pratica entro il 31 ottobre senza ulteriori rinvii – aveva annunciato che il suo obiettivo principale è quello di raggiungere un accordo “alternativo” di divorzio con Bruxelles. Ma se questo non fosse possibile per il neo primo ministro britannico l’opzione di uscire dall’Ue senza accordo perché quello attuale è “stato bocciato tre volte ed è inaccettabile”. “Non riapriremo l’accordo di recesso”, avevano replicato dalla Commissione europea, tramite la portavoce Mina Andreeva: “Abbiamo raggiunto un accordo sul ritiro con il Regno Unito che è il miglior accordo possibile e siamo pronti ad aggiungere elementi sulla dichiarazione politica, ma non riapriremo l’accordo di recesso”.

Intanto, è ufficiale che mercoledì prossimo Johnson sarà a Berlino per incontrare Angela Merkel. “Noi siamo pronti a ogni eventualità – ha ribadito la cancelliera – anche se non arrivassimo ad un accordo. Ma, in ogni caso, farò gli sforzi necessari per trovare delle soluzioni, fino all’ultimo giorno dei negoziati”. Jonhson, come riferito da fonti francesi, ha anche in programma una tappa a Parigi per un colloquio con il numero uno dell’Eliseo, Emmanuel Macron.

Resta aperto il fronte interno. In Gran Bretagna non si sanano le spaccature tra coloro che sono a favore dell’uscita dall’Unione europea e i contrari: più di 100 deputati britannici con una lettera hanno chiesto oggi al premier di convocare subito il Parlamento, attualmente in ferie, per discutere la Brexit. Il periodo estivo finirebbe il 3 settembre. I firmatari della lettera sono contrari al divorzio, che vorrebbero bloccare: “Il nostro Paese è sull’orlo di una crisi economica, mentre andiamo verso una Brexit senz’accordo”, hanno scritto, “siamo davanti a un’urgenza nazionale e il Parlamento deve essere convocato subito”. Il leader dell’opposizione laburista, Jeremy Corbyn, vuole organizzare un voto di sfiducia contro Johnson non appena tornerà in Parlamento, sperando di sostituirlo come premier ad interim e tentare di ottenere un nuovo rinvio della data di uscita dall’Ue.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carabiniere ucciso, San Francisco Chronicle: “Elder già arrestato per una grave aggressione a un coetaneo quando aveva 16 anni”

next
Articolo Successivo

Crisi di governo, Patuanelli dopo riunione con i capigruppo Pd: “Parlato di temi, non di nomi. Confronto prosegue domani”

next