Donald Trump ricomincia i suoi attacchi all’Iran, il giorno dopo il nuovo scontro tra Washington e Teheran per il via libera che Gibilterra ha concesso alla petroliera iraniana Grace 1, tenuta sotto sequestro dal 4 luglio scorso. Il presidente americano, parlando durante un comizio a Manchester, nel New Hampshire, è tornato sulla questione nucleare: “”L’Iran vuole fare un accordo perché le sanzioni non gli fanno bene – ha detto Trump – Vedremo come va a finire”. Poi ha aggiunto: “Finché sarò presidente, l’America non si piegherà mai ad un’altra nazione, come abbiamo fatto per molti anni”.

L’Iran si è ritirata dall’accordo il 7 luglio scorso, annunciando che avrebbe ricominciato ad arricchire il suo uranio, violando gli impegni presi nell’ambito del patto Jcpoa siglato nel 2015. Un accordo fortemente voluto da Barack Obama e che ha retto fino alla decisione unilaterale da parte dell’amministrazione Trump di ritirarsi e ripristinare le sanzioni nei confronti di Teheran. Per il presidente Usa, l’Iran infatti non avrebbe mai rispettato i limiti imposti dal patto.

A fine luglio il portavoce del ministero degli Esteri iraniano, Abbas Mousavi, ha accusato gli Usa di “non volere il dialogo” con la Repubblica Islamica. Secondo quanto riferito da Mousavi, l’amministrazione Trump ha respinto una proposta iraniana, presentata a luglio dal ministro degli Esteri, Mohammad Javad Zarif, durante una sua visita a New York in occasione di un evento Onu, che prevedeva ispezioni più severe agli impianti nucleari della Repubblica Islamica in cambio della revoca delle sanzioni contro Teheran.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ambiente, l’esploratore Alex Bellini salpa per la “grande isola di plastica” nel Pacifico: “Consumare di meno per salvare il pianeta”

next
Articolo Successivo

Corea del Nord, nuovo lancio di due missili verso il mar del Giappone. Poi l’annuncio: “Stop ai colloqui di pace con Seul”

next