Skoda Scala, la hatchback a cinque porte che la Casa ceca ha presentato a fine 2018 e valutata con il massimo dai voti da Euro NCAP (organizzazione europea che verifica il comportamento delle auto in caso di incidente attraverso appositi crash test), avrà un innovativo sistema di climatizzazione dell’abitacolo. Che farà un enorme favore a chi soffre di rinite allergica, alleviando i fastidiosi sintomi di tosse e raffreddore che affliggono chi, spesso, vive l’inizio della bella stagione fra starnuti e occhi irritati.

La tecnologia allo studio di Skoda, infatti, combinerebbe il climatizzatore automatico con dei specifici sensori che terrebbero sotto controllo la qualità dell’aria attraverso un’apposita “cabinetta” di filtraggio. Azionando il sistema, il polline viene filtrato subito per evitare che resti nell’abitacolo e che provochi reazioni allergiche. E’ chiaro che per consentire alla tecnologia – che non ha ancora un nome né una piena ufficialità – di lavorare in maniera appropriata, è necessario tenere tutti i finestrini chiusi e impostare la modalità di riciclo dell’aria del climatizzatore.

Tuttavia le funzionalità di questo sistema non finiscono qui: infatti, sarebbe anche in grado di percepire la presenza di particelle allergeniche che potrebbero “solleticare” il naso dei passeggeri, bloccandole prima che sia troppo tardi. Tutto ciò in aggiunta alle convenzionali funzionalità di regolazione della temperatura. Oltre a quest’ultima, il sistema potrebbe permettere pure di aggiustare il tasso di umidità interno in base alle proprie esigenze.

Infine, sarebbe possibile – grazie a dei sensori capaci di rilevare intensità e direzione dei raggi solari – settare in modo personalizzato la temperatura di ogni lato del veicolo in base a come questo riceve il calore del sole, per intensità e direzione. Ciò, peraltro, presupporrebbe un algoritmo che tenga conto dei parametri gps, dell’orario e della stagionalità.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aston Martin DB5, l’iconica auto di 007 all’asta di Sotheby’s in California

next
Articolo Successivo

Volkswagen T-Roc cabriolet, a Francoforte debutta la versione en plein air

next