Sono due le lingue che nel mondo parlano tutti: “Una è la matematica, il linguaggio della scienza, e l’altra è la musica, che capiscono tutti e permette a tutti di comunicare”. Ed è anche per questo che Luca Parmitano a bordo della Stazione spaziale per una notte si è trasformato in dj. Il colonnello dell’Areronautica, primo comandante italiano della Issi, si è cimentato ieri in una perfomance in collegamento diretto dallo spazio, per il World club Dome di Ibiza, facendo ballare migliaia di persone.

Dopo aver raccontato il lavoro della sua squadra a bordo della Stazione Spaziale internazionale (Iss), ha spiegato il perché della sua presenza in un contesto poco usuale per un astronauta. “Dieci anni fa sono stato selezionato come astronauta e mi hanno chiesto cosa avrei cambiato del mondo, se avessi potuto. Io ho risposto la possibilità di avere una sola lingua comune”, ha detto. Ma poi si è reso conto che invece esistono due lingue comuni nel mondo, che uniscono le persone. “Una è la matematica, il linguaggio della scienza, e l’altra è la musica, che capiscono tutti e permette a tutti di comunicare”, ha continuato l’astronauta dell’Agenzia spaziale europea (Esa). Così, tablet alla mano ha scelto una selezione di pezzi che ha fatto ballare e applaudire migliaia di giovani e adulti. “Lo spazio è un sogno comune – ha concluso – che unisce il mondo. Spero che vi sia piaciuta questa opportunità di unire scienza e musica, e che godiate del mondo come facciamo noi qui dalla Stazione Spaziale”. Come hanno scritto i gestori della discoteca sul loro profilo Facebook, parafrasando la celebre frase di Neil Armstrong allo sbarco sulla Luna, “un piccolo passo per un dj, uno enorme per il mondo!”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ebola, l’annuncio: “Due terapie sperimentali funzionano nel 90% dei casi”

prev
Articolo Successivo

Onde gravitazionali, un nuovo segnale forse generato da una stella di neutroni ingoiata da un buco nero: evento mai visto prima

next