“Ho inserito l’allarme prima di andare al lavoro? Ho chiuso la porta di casa quando sono uscito?” sono dubbi che vengono a tutti. Un tempo si tornava indietro a controllare, oggi si usa l’app. Secondo uno studio condotto dall’azienda RISCO Group specializzata nello sviluppo di soluzioni di sicurezza integrate, sempre più famiglie interagiscono con le icone presenti su smartphone e tablet per la gestione domestica. Fra gli utenti dell’app proprietaria dell’azienda, quasi due terzi nell’ultimo anno è uscito di casa con il dubbio di non aver chiuso la porta; oltre l’80% con il dubbio di non aver inserito l’allarme. L’83% del campione interpellato ha confermato che la scelta d’acquisto del sistema di sicurezza per la casa prescinde dalla possibilità di monitorare la propria abitazione da remoto tramite app.

Il motivo è che le app fanno sentire tranquilli gli utenti perché gli permettono di gestire l’abitazione con lo smartphone. Il rischio che questa abitudine diventi difficile da controllare: oltre due terzi degli intervistati dichiara di collegarsi abitualmente all’app più volte al giorno per controllare casa. È una “dipendenza” che non va mai in vacanza, perché il 66% del campione mantiene lo stesso ritmo di controllo anche dal luogo di villeggiatura. Quasi tutti svolgono questa attività con lo smartphone (97%), solo una minima percentuale predilige il tablet (2%) o il browser web (1%). I più attivi sono gli utenti Android, con il 60%, contro il 40% di quelli iOS.

Quanto alla sensazione di sicurezza, il 92% degli utilizzatori dell’app di RISCO non ha dubbi in merito al fatto che la tecnologia rappresenti un valore aggiunto nella protezione dell’abitazione, oltre che nel controllo remoto di elettrodomestici, accessi e tapparelle.

A questo punto la scelta dell’app è fondamentale per la sicurezza. Se l’idea di controllare tutto con un’app alletta, meglio spendere qualcosa in più e rivolgersi a personale specializzato che installi e configuri prodotti professionali, piuttosto che affidarsi al fai-da-te e poi scoprire di avere aiutato i ladri a entrare in casa senza fatica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Officina industriale 2.0 con i robot intelligenti capaci di collaborare e gestire eventi imprevisti

prev
Articolo Successivo

Entro il 2025 eSIM su due miliardi di dispositivi, ecco quali sono i vantaggi della SIM integrata

next