Mille persone sono state evacuate a causa di un incendio a Gran Canaria, l’isola principale dell’arcipelago delle Canarie, lo scorso 11 agosto. Il rogo, iniziato il giorno prima, aveva già bruciato bruciato circa mille ettari di bosco, secondo quanto riferiscono le autorità spagnole.

Le zone più gravemente danneggiate sono le località di Tejeda, Artenara e Galdar, dove decine di persone sono state trasferite e messe in salvo, secondo quanto riferito su twitter dai servizi di emergenza delle isole Canarie. Non sono ancora state accertate le cause che hanno scatenato le fiamme, partite dalla zona di Artenara, ma non si esclude la possibilità che siano divampate a seguito di alcuni lavori di saldatura eseguiti da un 55enne, poi fermato dalla guardia civile. A espandere il rogo su tutta l’isola è stato un cambiamento di direzione del vento, che ha aggravato la situazione nella note tra sabato 10 e domenica 11 agosto, ha spiegato il presidente della regione delle Canarie, Angel Victor Torres.

Il governo regionale delle Isole Canarie ha precisato che 200 vigili del fuoco e 10 aerei antincendio sono al lavoro da sabato 10 agosto nel tentativo di domare le fiamme. Anche l’unità militare antincendio si è recata nell’area. L’emittente di Stato spagnola RTVE assicura comunque che le evacuazioni sono state effettuate in via precauzionale e che nessuna casa è stata bruciata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Argentina, il presidente Macri sconfitto alle primarie: vince la coppia Fernandez-Kirchner

prev
Articolo Successivo

Hong Kong, 5mila manifestanti occupano l’aeroporto: tutti i voli cancellati

next