Era l’ultimo dei condannati per le devastazioni compiute nei giorni del G8 di Genova nel 2001 a essere ancora libero. Vincenzo Vecchi, 46 anni, l’esponente dell’area anarco-autonoma milanese, latitante dal luglio del 2012, è stato rintracciato dalla Polizia di Milano e arrestato in Francia. Quando scattò l’ordine di esecuzione della pena emesso dalla Procura generale della Corte d’appello di Genova per la condanna che era stata confermata dalla Cassazione, Vecchi sparì. Deve scontare 11 anni e 6 mesi.

Nei giorni del 20 e 21 luglio 2001, durante il G8, Vecchi faceva parte di un gruppo di persone che a volto coperto devastò la città distruggendo e incendiando: vennero presi di mira istituti di credito, auto e e un supermercato. Vecchi venne identificato come un promotore delle devastazioni, uno “che spingeva gli altri ad agire”, lanciava “bottiglie, sassi e molotov”. A portare gli investigatori alla sua cattura il desiderio di incontrare i familiari. Individuato in Francia la polizia d’Oltralpe ha scoperto che Vecchi aveva incontrato i familiari in una località della Savoia, trascorrendo una settimana di vacanza. Vecchi era quindi rientrato in Bretagna, dove viveva sotto falsa identità. Nel piccolo borgo di Saint Gravé dans le Morbhian è stato catturato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cassazione, i nove candidati per la poltrona di procuratore generale (dopo lo scandalo Csm)

prev
Articolo Successivo

Sant’Anna di Stazzema e le altre stragi impunite: l’Italia ha condannato 60 nazisti, ma la Germania non ha mai eseguito gli ergastoli

next