È ricoverato in gravissime condizioni il bambino di due anni e mezzo che l’1 agosto ha rischiato di annegare in una piscina gonfiabile. L’incidente è avvenuto in serata a Torre del Lago, in provincia di Lucca, dove il piccolo stava giocando nella vasca allestita dai genitori nel giardino di casa. Secondo una prima ricostruzione della polizia, il bimbo stava giocando in acqua con il fratellino e il cuginetto fino a quando tutti e tre sono usciti. Poi, senza che nessuno se ne accorgesse, sarebbe rientrato nella piscinetta da solo e poco dopo i genitori si sono accorti che era in acqua privo di sensi. Hanno chiamato subito il 118, il cui personale è fortunatamente riuscito a rianimarlo dall’arresto cardiaco. Il piccolo è stato quindi trasferito all’ospedale pediatrico Opa di Massa Carrara, dove è stato attaccato alle macchine. Le sue condizioni restano stabili, ma sempre critiche e saranno poi da valutare i rischi neurologici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trentino Alto Adige, la Regione aumenta del 7% gli stipendi dei suoi sindaci: quello di Trento guadagna più di Virginia Raggi a Roma

next
Articolo Successivo

Napoli, follia in tangenziale: auto in retromarcia sulla corsia di accelerazione. Verdi: “Assurdo, non credevamo ai nostri occhi”

next