Il Cdr de Ilfattoquotidiano.it esprime solidarietà al collega Valerio Lo Muzio, aggredito verbalmente nella giornata di giovedì dal ministro dell’Interno Matteo Salvini mentre svolgeva il suo lavoro. Informare i cittadini, quindi fare domande, è diritto tutelato dalla Costituzione, la stessa sulla quale il ministro dell’Interno ha giurato e che è tenuto a rispettare come e, se possibile, più degli altri poiché rappresenta le istituzioni.

Il Comitato di redazione de Ilfattoquotidiano.it

Nei giorni scorsi il collega Valerio Lo Muzio, autore su repubblica.it dello scoop sul figlio del ministro dell’Interno sulla moto d’acqua della polizia, è stato minacciato da alcuni agenti affinché non riprendesse quanto avveniva in luogo pubblico e poi insultato dallo stesso ministro affinché non potesse rivolgergli domande durante una conferenza stampa. È intollerabile che uomini delle istituzioni cerchino di impedire a un giornalista di fare il proprio lavoro nel totale disprezzo della libertà di informazione e del diritto dei cittadini a essere informati, tutelati dall’articolo 21 della Costituzione. È ancor più intollerabile che ciò provenga da un ministro dell’Interno che spregiudicatamente utilizza a scopo di propaganda politica il patrimonio informativo delle amministrazioni di cui è titolare pro tempore. Il Comitato di redazione del Fatto Quotidiano manifesta piena solidarietà al collega Lo Muzio e invita l’Ordine, la Fnsi e le associazioni di stampa a fare il possibile perché l’intera categoria tenga alta l’attenzione e reagisca compattamente ad eventuali altri episodi di questo genere.

Il Comitato di redazione del Fatto Quotidiano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

SEIF – Società Editoriale Il Fatto si è quotata in Borsa a Parigi

next
Articolo Successivo

Morandi: 1967, le carte segrete sul ponte malato. Dalle crepe alle stranezze del collaudo: l’inchiesta di “Sherlock” domenica in edicola

next