“Lì ci sono i nostri colleghi, abbiamo vinto il concorso insieme a loro ma non possiamo iniziare la formazione”. Protesta di una delegazione dei 471 navigator campani, che oggi non hanno potuto prendere parte all’avvio della formazione all’Auditorium Parco della Musica a Roma perché il presidente della Regione Vincenzo De Luca non ha ancora firmato, a differenza di tutte le altre regioni italiane, la convenzione con Anpal. “Io non ho mai visto una cosa del genere in vita mia” ha commentato il ministro Luigi Di Maio, che prima del suo intervento ha incontrato la delegazione dei navigator campani. Questi, dopo l’incontro, hanno dato vita a una piccola assemblea per decidere come portare avanti la loro battaglia. Già organizzato un nuovo sit in sotto la sede della Regione: “De Luca se non vuol parlare con il Ministro almeno si confronti con noi invece di fare disinformazione nei nostri confronti”. I navigator temono di finire stretti nello scontro tra Ministro e Presidente di regione. “Noi non vogliamo essere merce di un tavolo politico. Di Maio ci ha detto di essere fiduciosi, ma noi vogliamo risposte concrete”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lavoro, Istat: “A giugno disoccupazione al 9,7%, tasso più basso dal 2012”. Giù tra i giovani. Crescono ancora i dipendenti stabili

prev
Articolo Successivo

Modena, azienda fallisce a Sassuolo e licenzia 54 lavoratori. Sindaco leghista: “Potrebbero trasferirsi in Russia”. Protesta la Fiom

next