Con una mossa attesa dagli operatori, la Federal Reserve ha tagliato i tassi di 25 punti base, la prima riduzione degli ultimi dieci anni. Una decisione che, secondo molti osservatori, non basterà però a ridare fiato all’economia Usa e a eliminare i rischi di recessione e che sicuramente non servirà nemmeno a evitare le ire del presidente Donald Trump che, con il suo solito stile roboante, nei giorni scorsi aveva sfidato l’indipendenza della Banca centrale statunitense chiedendo a gran voce una riduzione del costo del denaro di entità maggiore. Nel tentativo di placare la Casa Bianca, però, il Federal Open Market Committee (Fomc), cioè il Comitato della Fed che si occupa di decidere le mosse di politica monetaria al termine della riunione di oggi, 31 luglio, con cui ha annunciato il taglio dei tassi ha anche messo per iscritto che intende fermare prima del previsto la riduzione del bilancio della Fed: in parole povere, la Banca centrale Usa potrebbe tornare a sostenere l’economia statunitense anche attraverso nuovi programmi di acquisto di titoli, trasmettendo in questo modo la riduzione dei tassi anche sul mercato secondario.

Pesano la frenata mondiale e le ricadute della guerra commerciale

Il taglio del principale tasso di interesse di 25 punti base è il primo dopo la sequenza di aumento seguiti alla fine della crisi finanziaria: dopo aver portato dal 5,25% a zero il tasso sui Fed Funds tra il 2007 e il 2009, quando l’esplosione della bolla dei mutui subprime aveva mandato in recessione l’intera economia mondiale, la Federal Reserve tra il 2015 e il 2018 aveva gradualmente innalzato i tassi sino al 2,5% nel tentativo di “raffreddare” la corsa senza freni dell’economia Usa, scatenata in ripresa. Ora però i segnali di incertezza che arrivano dall’economia mondiale, la riduzione delle pressioni inflazionistiche e i rischi delle ricadute della guerra commerciale globale scatenata da Trump nei confronti della Cina, del Messico e dell’Unione Europea hanno determinato una nuova fase accomodante. Il Fomc ha così deciso di abbassare l’intervallo obiettivo per il tasso dei Fed funds al 2-2,25%.

Non c’è stata unanimità sulla misura

Il taglio dei tassi di interesse era ampiamente previsto da investitori ed economisti, ma è stato accompagnato anche da una decisione inattesa che consiste nello stop alla riduzione del bilancio della Fed da domani, primo agosto, con due mesi di anticipo sul previsto. Il taglio dei tassi è stato sponsorizzato da Jay Powell, il presidente della Fed, e ha ottenuto la maggioranza dei voti dei partecipanti al Fomc (la Federal Reserve è un organismo federale con rappresentanti in alcune delle principali città statunitensi) ma Esther George, presidente della Fed di Kansas City, ed Eric Rosengren, presidente della Fed di Boston, hanno votato contro il taglio, dicendo che preferivano mantenere i tassi costanti. Negli Stati Uniti la disoccupazione rimane quasi ai minimi storici e i consumi interni restano elevati, ma nel secondo trimestre le statistiche economiche segnalano un rallentamento della crescita, investimenti più deboli del previsto e inflazione inferiore al target del 2%.

Gli indicatori “vedono” recessione certa entro 12 mesi

Secondo alcuni indicatori predittivi del ciclo economico, però, la mossa della Fed potrebbe essere arrivata troppo tardi. A giugno un indicatore econometrico di recessione calcolato su un modello probabilistico dalla Fed di New York ha raggiunto il suo livello più alto dal 2009. Il dato elaborato della Federal Reserve di New York, che prevede la probabilità di una recessione degli Stati Uniti nei prossimi 12 mesi, è stato pari al 32,9% alla fine del mese scorso: il valore era al 28% a maggio. Tutte le volte che l’indicatore ha superato la soglia del 30%, dal 1960 a oggi, è poi puntualmente arrivata una recessione nei 12 mesi successivi.

Anche Ue, India, Cina e Giappone allargano le maglie

La scorsa settimana anche Mario Draghi, presidente uscente della Banca centrale europea, ha indirizzato la Bce verso possibili riduzioni dei tassi e acquisti di titoli in autunno per combattere l’inflazione che continua a restare sotto i livelli sperati. Politiche accomodanti sui tassi sono state messe in cantiere recentemente dalla Banca del Popolo cinese, dalla Banca centrale del Giappone e da quella dell’India, che a giugno ha tagliato il tasso base dello 0,25% portandolo al 5,75%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Inflazione, Istat: prezzi rallentano allo 0,5% a luglio. Rincaro del carrello della spesa ma riduzione delle tariffe di luce e gas

prev
Articolo Successivo

EssilorLuxottica, il colosso degli occhiali acquisisce il 76% di GrandVision. Poi via all’Opa. Un’operazione da 7 miliardi

next