Chi vota ‘no’ all’approvazione del decreto sicurezza bis in Senato è fuori dal M5S? I voti si vedono quando si vota”. Lo dice il vicepremier Luigi Di Maio parlando margine della giornata di formazione per navigator a Roma. La prossima settimana si preannuncia cruciale per il Governo. Anche per un altro appuntamento sempre nell’Aula del Senato: le mozioni pro e contro il Tav. “Il Tav è un regalo ai francesi. Se tutti si comportano lealmente, lo possiamo bloccare. Chi invece vuole fare un regalo da 2,2 miliardi a Macron votando con Renzi dovrà risponderne al Paese – dice Di Maio, che sulla Francia, aggiunge un altro tema di polemica – non ho niente contro la Francia, ma bisogna valutare se togliere la cittadinanza a Sandro Gozi. Se tradisci lo Stato italiano e ti arruoli nelle fila di un altro governo come responsabile della politica europea del governo Macron allora bisogna valutare se togliere la cittadinanza”. Secondo Di Maio “siamo di fronte a qualcosa di inquietante: un nostro sottosegretario, anche se era Pd, diventa esponente di un governo con cui abbiamo cose in comune ma anche interessi confliggenti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salvini, Di Maio: “Figlio sulla moto d’acqua? Ha ammesso errore, poliziotti in imbarazzo”

prev
Articolo Successivo

Mozione di sfiducia a Salvini rinviata, Borghi (Pd) furioso col M5s: ‘È questa la vostra rivoluzione?’

next