È cominciato stamattina all’alba lo sgombero delle due palazzine (arancione e grigia) del Moi di Torino, che si trovano nell’ex villaggio olimpico e occupate dal 2013 da circa 350 migranti, la maggior parte di origine africana. La questura fa sapere che gli ospiti “saranno ricollocate in altri strutture già individuate dalle istituzioni competenti”. L’area è presidiata dalla polizia e le operazioni si stanno svolgendo senza tensioni.  “È tanto importante per i residenti del quartiere quanto per gli occupanti – ha commentato Davide Ricca, presidente della Circoscrizione 8 che sta assistendo allo sgombero- il prossimo passo è la riqualifica dell’intera area. Con Comune stiamo portando avanti un progetto di social housing nelle palazzine unito al rilancio delle arcate”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, completato lo sgombero dell’ex Moi. All’interno dei due edifici risiedevano da anni 350 persone, in prevalenza migranti

prev
Articolo Successivo

Cosenza, l’operazione da brividi della Guardia costiera: così salvano il bagnante in difficoltà per il mare mosso

next