I gruppi della consegna di cibo a domicilio Just Eat e Takeaway.com si fonderanno in una delle più grandi aziende del settore a livello globale. Lo ha annunciato una nota della società olandese Takeaway.com, che dà conto del raggiungimento di “un accordo di principio sui termini chiave di una possibile combinazione” delle due società che porterebbe alla creazione di un nuovo soggetto chiamato Just Eat Takeaway.com con 360 milioni di ordini e 7,3 miliardi di euro di ricavi (dati riferiti al 2018).

Takeaway.com ha offerto 5 miliardi di sterline. L’operazione è interamente azionaria e rappresenta un premio del 15% rispetto all’ultima quotazione in Borsa di Just Eat di venerdì scorso. Agli azionisti di Just Eat, spiega il comunicato, andrebbero 0,09744 azioni per ogni azione Just Eat posseduta, e subito dopo il completamento si troverebbero in possesso del 52,2% del capitale del gruppo combinato, mentre gli azionisti di Takeaway.com avrebbero il 47,8% circa. A ricoprire il ruolo di presidente del consiglio di sorveglianza del nuovo gruppo sarebbe Mike Evans (attuale presidente di Just Eat), mentre l’amministratore delegato sarebbe Jitse Groen, oggi numero uno di Takeaway.com.

La mossa di Takeaway.com rientra nei piani di espansione del gruppo, che a dicembre ha deciso di rilevare le attività tedesche di Hero (marchi Foodora, Pizza.de e Lieferheld) e aiuterebbe Just Eat che è in difficoltà sul mercato britannico per la concorrenza di Uber Eats e Deliveroo. Oggi è attiva in 12 Paesi europei: non l’Italia dove Foodora è stata ceduta al concorrente spagnolo Glovo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Istat: “A luglio aumento dell’indice di fiducia dei consumatori e delle imprese. Ma lieve flessione per quelle manifatturiere”

prev
Articolo Successivo

Inflazione, Istat: prezzi rallentano allo 0,5% a luglio. Rincaro del carrello della spesa ma riduzione delle tariffe di luce e gas

next