Le automobili contraffatte così da sembrare veicoli di pattuglia della polizia, le divise da agenti, il lasciapassare all’ingresso dell’aeroporto e l’arrivo nell’hangar dove hanno minacciato gli operai che stavano effettuando il trasbordo e si sono fatti consegnare il carico di 752 chili d’oro in partenza verso New York e Zurigo.

Potrebbe sembrare il remake della terza stagione de La Casa di Carta, invece la rapina è avvenuta davvero a San Paolo, in Brasile. E il colpo – valore stimato attorno ai 30 milioni di dollari – è riuscito perché gli 8 finti poliziotti sono riusciti a dileguarsi facendo perdere le proprie tracce. 

Durante l’azione nell’aeroporto di Garulhos i voli hanno continuato ad operare normalmente, non sono stati sparati colpi e nessuno si è fatto male. Anche se, secondo un agente di polizia, i rapinatori avrebbero anche sequestrato per 12 ore un funzionario del posto insieme a otto suoi familiari, di cui 4 minorenni.

Il gruppo ha agito con tecnica militare. Veri professionisti. Si sono fatti aiutare dal personale presente e hanno dovuto servirsi di un muletto per sollevare parte del carico che era troppo pesante.

L’incursione è durata in tutto 2 minuti e 30 secondi, così come si vede dai nastri delle telecamere di sorveglianza dello scalo più trafficato del Brasile. Per mettere a segno il colpo, i banditi hanno tenuto in ostaggio anche due addetti alla sicurezza della Brinks, responsabile del trasporto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Germania, furono i nazisti ad appiccare il fuoco? Una dichiarazione giurata riapre il caso dell’incendio al Reichstag del 1933

prev
Articolo Successivo

Corea del Sud, crolla la balconata di una discoteca: 2 morti, feriti 8 atleti dei Mondiali di nuoto

next