C’è chi la sbandiera nei comizi come una priorità, come la stessa Lega di Matteo Salvini, che ne ha fatto un decreto simbolico della sua azione di governo. O chi critica l’impostazione “propagandistica” del governo. Non è una novità come tutti i partiti si scontrino sul tema sicurezza: eppure per l’inizio della discussione in Aula del decreto bis, i banchi sono rimasti deserti o quasi.  Soprattutto tra le fila della maggioranza. Una cattiva consuetudine, ormai, forse peggiorata anche dal caos sulla circolazione dei treni e dall’inizio della discussione nel pieno dell’estate, oltre che di lunedì. Eppure, se in occasione della discussione del primo decreto Sicurezza i banchi leghisti si trovavano al completo (al contrario di quelli del M5s e degli altri partiti, ndr), quasi ‘militarmente’ di fronte alle rivendicazioni di Salvini sulla necessità del decreto, per la seconda versione del decreto l’Aula è rimasta quasi del tutto vuota.Due o tre i leghisti presenti, al di là delle rivendicazioni da perenne campagna elettorale. Vuoti pure i banchi del Movimento 5 Stelle, con i soli Devis Dori (intervenuto) e il presidente della commissione Affari costituzionali Giuseppe Brescia presenti. Mentre tra i banchi del governo era presente il sottosegretario Nicola Molteni.

E le opposizioni? Qualche deputato in più, almeno in numero maggiore rispetto ai banchi della maggioranza. Ma sempre in numero ridotto a dir poco. Otto al massimo i deputati Pd (tra i quali l’ex segretario Maurizio Martina, Filippo Sensi, Fausto Raciti e pochi altri), quattro quelli di Leu (compresa Laura Boldrini) più Riccardo Magi (+Europa), mentre nel centrodestra (Fdi e Forza Italia) i banchi erano vuoti o quasi. “Qualcuno di noi è rimasto bloccato per l’incidente alla stazione di Firenze, non è riuscito ad arrivare in tempo”, ha sottolineato il dem Enrico Borghi. Ma i banchi sono rimasti vuoti per tutta la discussione della mattina, continuata in modo lento fino alla pausa pranzo, con l’Aula mai oltre la quindicina di presenze. Altro che priorità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondi russi alla Lega, oggi nessuno si indigna perché fa comodo. Il resto sono chiacchiere

next
Articolo Successivo

Autonomia, Toninelli: “Ministri e governatori abbassino toni”. Zaia: “Governi dia vita a testo. Basta manfrine, la pazienza è finita”

next