Il sorteggio per la composizione del Csm “è manifestamente incostituzionale in tutte le sue versioni”. Così il presidente dell’Anm Luca Poniz boccia anche l’ultima versione contenuta nella riforma della Giustizia del ministro Alfonso Bonafede, che prevede prima il sorteggio dei magistrati candidabili e poi “l’elezione di chi raccoglie il maggior numero di voti”questo

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

GIUSTIZIALISTI

di Piercamillo Davigo e Sebastiano Ardita 12€ Acquista
Articolo Precedente

Riforma giustizia, Anm: “Aspetti positivi, ma no a risposta emozionale e volontà punitive. Sorteggio per Csm resta incostituzionale”

next
Articolo Successivo

Caso Csm, lascia il segretario di Unicost Enrico Infante: “Mancanza di confronto”

next