Dopo la morte di Cosimo Massaro, per cui risultano già nove persone indagate, nella tarda serata di ieri si è trovato un accordo per dare avvio a una serie d’interventi per la sicurezza dello stabilimento di Taranto. Per giungere alla firma del verbale d’accordo al Mise, ci sono volute nove ore d’incontro tra il ministro Luigi Di Maio, i rappresentanti di ArcelorMittal e i sindacati. A metà pomeriggio Marco Bentivogli, segretario generale della Cisl-Fim, parlava di “un incontro altamente insoddisfacente”. Ma al termine della serata è Rocco Palombella, segretario Uilm, a spiegare i termini dell’accordo: “Il verbale impegna ArcelorMittal a verificare e monitorare tutte le aree d’insicurezza dello stabilimento e poi ci sarà una task force di organi ispettivi che sarà all’interno dell’ex Ilva per verificare le condizioni di pericolo”.

“Tutto questo è avvenuto però dopo una trattativa troppo lunga. Ci aspettavamo un atteggiamento più collaborativo da parte dell’azienda” racconta Valerio D’Alò della Fim-Cisl. Usb non ha sottoscritto la faticosa intesa raggiunta al Mise: “C’è stato un omicidio di un lavoratore. Lo stabilimento non ha le condizioni minime di sicurezza e ci saremmo attesi un’azienda che rilanciava con investimenti , così non è stato e noi restiamo convinti che quell’impianto debba essere chiuso e poi riconvertito”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Democrazia partecipativa, Cappato e Staderini: ‘Anche in Italia Citizens’ Assembly. Su legge elettorale e ambiente’

next
Articolo Successivo

Salvini al comizio: “Attaccato da chi governa con me, la mia pazienza non è infinita”. Applausi dal pubblico

next