La Procura generale maltese ha formalizzato le accuse e chiesto condanne all’ergastolo per le tre persone ritenute gli autori materiali dell’omicidio di Daphne Caruana Galizia, la giornalista maltese uccisa con un’autobomba il 16 ottobre 2017. I tre vennero arrestati un paio di mesi dopo. Restano sconosciuti i mandanti. Il governo maltese, contestato e considerato complice dalla famiglia, ha espresso soddisfazione con una nota in cui sottolinea: “Questa è un’ulteriore prova della dedizione e del buon funzionamento delle istituzioni”.

La giornalista investigativa maltese, 53 anni, è stata uccisa dall’esplosione di un ordigno piazzato sotto la sua auto a pochi metri dalla sua casa di Bidnija: aveva indagato sui ‘Malta files‘, un ramo dei Panama papers (lo scandalo sui paradisi fiscali emerso nel 2016), facendo luce sulle infiltrazioni mafiose, il riciclaggio e la corruzione della polizia nella piccola isola mediterranea. Le sue inchieste erano arrivate a coinvolgere la moglie del premier Joseph Muscat, accusata di gestire una società offshore panamense.

A quasi due anni dall’omicidio in carcere ci sono solo i presunti sicari, i fratelli Alfred e George De Giorgio e Vince Muscat, criminali già noti alla polizia. Nessuna ipotesi, invece, riguardo ai mandanti. Nel novembre scorso il Times of Malta aveva annunciato che erano stati identificati uno o più mandanti dell’omicidio. Alti funzionari avevano riferito che e l’inchiesta era a uno “stadio molto avanzato” e che i sospetti principali erano stati individuati. Nessuna ulteriore informazioni è stato però poi resa nota, mentre la posizione del premier è stata archiviata dalla procura ormai già un anno fa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, “cene a base di aragoste giganti, ostriche e champagne con soldi pubblici”: si dimette il ministro dell’Ambiente

next
Articolo Successivo

Germania, Kramp-Karrenbauer nuova ministra della Difesa: prende il posto di Ursula von der Leyen

next