Samsung Galaxy Tab S5e è un nuovo tablet Android di fascia media che punta sullo schermo pannello Super AMOLED da 10,5 pollici e su un comparto audio con quattro altoparlanti stereo per proporsi come strumento per l’intrattenimento in movimento. Terminata l’era dei tablet vecchio stile, anche per gli schermi sempre più grandi degli smartphone, la fruizione di contenuti multimediali è una chiave interessante per rivalutare questa categoria di prodotti.

A favore di questa idea ci sono lo schermo dalla buona resa su cui è un piacere vedere film e serie TV, l’audio di qualità, la qualità costruttiva e Samsung DeX, che consente di utilizzare con soddisfazione il dispositivo anche in ambito produttivo. Per contro mancano la presa jack per le cuffie e l’NFC, e il prezzo di listino è un po’ troppo alto. La versione migliore da acquistare è quella con connettività Wi-Fi e 64 Gigabyte di spazio di archiviazione, che si trova online a cifre nell’intorno di 350 euro. Per espandere la memoria basta usare una schedina micro-SD, e per collegarsi a Internet in assenza di reti Wi-Fi basta usare il proprio smartphone come hotspot, vista ormai l’ampia quantità di Gigabyte di traffico dati inclusi nelle tariffe telefoniche. Ha poco senso puntare alla versione con connettività LTE, in vendita a 569 euro.

Schermo e altoparlanti

Il display Super AMOLED ha una risoluzione di 1.600 x 2.560 pixel e un rapporto di forma in 16:10, che lo rende ideale da usare in orizzontale per guardare film e serie TV. Il pannello è di buon livello: i contrasti sono netti, gli angoli di visuale ampi, la luminosità è elevata e, anche grazie all’efficace trattamento oleofobico, la visibilità all’aperto è buona.

Avremmo apprezzato la presenza degli standard Dolby Visione e HDR10, così da poter godere al massimo della qualità dei contenuti in streaming attraverso piattaforme come Netflix e Prime Video. Queste però sono caratteristiche proprie dei top di gamma, ben più costosi.

Sul fronte audio ci sono quattro altoparlanti stereo, equalizzati in collaborazione con AKG e posizionati sui due bordi laterali. La qualità del suono è sopra alla media, anche non pareggia quella offerta dai nuovi iPad Pro. Discorso analogo per il volume, che aiuta a immergersi maggiormente nei contenuti multimediali.

A nostro avviso, su un prodotto del genere avrebbe fatto comodo la presa jack per le cuffie, che invece è assente: bisognerà obbligatoriamente dotarsi di cuffie wireless. Per il resto la connettività soddisfa: Wi-Fi dual-band, Bluetooth 5.0, USB-C, memoria interna di 64 o 128 Gigabyte a seconda della variante scelta, espandibile tramite micro-SD.

Prestazioni

La configurazione include il processore Snapdragon 670 di Qualcomm e 4 Gigabyte di memoria RAM. Sulle prestazioni non c’è nulla da obiettare: difficilmente il Galaxy Tab S5e mostra il fianco, almeno nelle operazioni quotidiane. In più, nonostante lo spessore contenuto di 5,5 millimetri, convince anche sotto l’aspetto della dissipazione del calore.

Il lavoro di ottimizzazione svolto da Samsung è stato efficace, ma è il sistema operativo Android a costituire un limite. Google non è ancora riuscita a compiere il salto di qualità che sarebbe necessario a questo genere di prodotti, e il risultato è un’esperienza utente semplicemente “ingigantita” rispetto agli smartphone. È qui che risultano vincenti il parco di applicazioni degli iPad e l’ecosistema Apple.

C’è però una funzione del Galaxy Tab S5e, e implementata direttamente da Samsung, che può fare la differenza a livello di produttività: Samsung DeX. Con un semplice cavetto USB-C/HDMI, si può collegare il tablet a un monitor esterno, per disporre di un ambiente desktop su base Android. È utile, ad esempio, poter navigare sul web, scrivere un documento, rispondere a una email, mediante un’esperienza molto vicina a quella offerta dai computer. Se poi si collegano via Bluetooth mouse e tastiera esterni la comodità è assicurata.

L’autonomia non fa gridare al miracolo, anzi, resta un passo indietro rispetto agli iPad. Con il classico “utilizzo da divano” si arriva a due giorni lontano dalla presa elettrica. C’è comunque la ricarica rapida a 18W (caricabatterie apposito incluso in confezione).

La qualità costruttiva è uno dei punti di forza di questo prodotto. Nonostante lo spessore contenuto, il rivestimento non mostra flessioni di alcuni tipo. La parte posteriore è in alluminio spazzolato che nasconde bene le ditate, maneggiandolo si ha la sensazione di un prodotto di alto livello. Lo spessore della fotocamera posteriore (13 Megapixel senza flash, foto in linea con la qualità di un tablet) non crea problemi di ergonomia. C’è anche una fotocamera anteriore da 8 Megapixel che fa il suo dovere, e in generale i 400 grammi di peso sono ben distribuiti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Manuale originale dell’Apple-1 battuto all’asta per 12.296 dollari

prev
Articolo Successivo

Google omaggia Wimbledon con un giochino nascosto nella ricerca, ecco come trovarlo

next