Nuova giornata di mobilitazione per il personale del trasporto pubblico locale di Milano. Oggi, giovedì 11 luglio, è in programma infatti uno sciopero dei dipendenti di Atm, indetto dalla confederazione unitaria di base, il Cub, per protestare contro la liberalizzazione, la privatizzazione e la finanziarizzazione del trasporto pubblico locale milanese e dell’hinterland. Pertanto, il servizio di metropolitane, tram e autobus non è garantito dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 fino al termine del servizio. Le fasce protette, ovvero gli orari nei quali sono garantite le corse dei mezzi, sono due: dall’inizio del servizio fino alle 8.45 e dalle 15 alle 18.

Lo sciopero coinvolge anche Monza, per le linee di autobus gestite da Net: “L’agitazione è prevista dalle 9 alle 11.50 e dalle 14.50 al termine del servizio“, ha chiarito Atm precisando che a fermarsi è anche il servizio extraurbano “dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio”.

La protesta è stata indetta anche contro le gare d’appalto dei servizi attualmente gestiti del Gruppo Atm e per la reinternalizzazione dei servizi ceduti in appalto e sub-appalto anche complementari al trasporto. Ma nel mirino della sigla sindacati sono finiti anche “la quotazione in borsa e la vendita delle azioni del Gruppo Atm”, mentre i lavoratori chiedono “l’affidamento diretto in house dei servizi gestiti dal Gruppo Atm” e “l’affidamento diretto al Gruppo Atm dei servizi di Tpl della Città Metropolitana Milanese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia nigeriana, a Palermo operazione della Polizia: sgominata cosca incardinata in zona Ballarò

next
Articolo Successivo

Matteo Salvini, intercettata una busta anonima con proiettile: era indirizzata al ministro dell’Interno

next