Tensioni a Prato tra lavoratori (iscritti al sindacato Si Cobas) e la polizia, durante un picchetto organizzato lunedì 8 luglio davanti alla sede del Panificio toscano. In un video diffuso sui social network si vede un agente colpire con un pugno in testa un lavoratore pachistano, mentre lo stava immobilizzando a terra. Al termine della protesta un manifestante pachistano e un agente sono stati medicati in ospedale, altre due persone che avevano preso parte all’iniziativa  sono state portate in questura.  I manifestanti chiedono “l’applicazione corretta del contratto di lavoro“. Manifestazioni sulle contratti dei dipendenti del Panificio toscano si erano già svolte nei mesi scorsi, promosse sempre da Si Cobas. L’azienda, che ha sedi a Collesalvetti e a Prato, è tra i fornitori dell’Unicoop. “Dopo un anno dall’inizio della vertenza sindacale, continua a non essere applicato correttamente il contratto – spiega Luca Toscano di Si Cobas -. Lo stato di agitazione è ripartito dopo sei mesi di richieste di apertura di un tavolo di confronto al quale l’azienda si è sempre voluta sottrarre”. Sulla protesta dei lavoratori iscritti al sindacato Si Cobas è intervenuto l’azienda Panificio toscano: in una nota la definisce “strumentale” e spiega che la motivazione “è assolutamente priva di ogni reale riferimento ad inadempimenti di accordi sindacali aziendali”. “L’azienda – si spiega ancora – ha dato attuazione all’accordo sottoscritto con Cgil e Uil nel settembre 2018, nel pieno rispetto dei numeri e delle date previste”. Si schiera dalla parte dei lavoratori Potere al Popolo secondo cui “la polizia è intervenuta immediatamente a difesa dei padroni, caricando gli operai” e portando in questura Luca Toscano del Si Cobas, e un lavorante del Panificio. Potere al popolo esprime per questo “solidarietà verso i due compagni colpiti, oltre agli altri attivi nella lotta, e interroga le istituzioni, la società civile, i cittadini tutti su questa nuova azione repressiva arrivata dopo il foglio di via nei confronti di due sindacalisti del Si Cobas Prato e Firenze e le cariche sui picchetti, ultima delle quali quella contro i lavoratori di Superlativa di due giorni fa”

il video è stato pubblicato sulla pagina Facebook di Firenze dal basso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fincantieri, l’ad Bono: “I giovani hanno perso voglia di lavorare, si accontentano di fare i rider a 500 euro al mese”

prev
Articolo Successivo

Italpizza, l’azienda accusata di sfruttare gli operai sponsorizza Festival per diritti umani: contratto sospeso

next