L’ex presidente della giunta regionale abruzzese, Luciano D’Alfonso, attuale senatore del Pd, è stato assolto insieme ad altri quattro imputati nell’ambito del processo con rito abbreviato scaturito dall’inchiesta relativa alla società PescaraPorto e alla realizzazione, nel capoluogo abruzzese, di un complesso edilizio nei pressi dell’area ex Edison. Il gup del Tribunale di Pescara, Gianluca Sarandrea, secondo cui “il fatto non sussiste”, ha assolto anche l’avvocato Giuliano Milia, il dirigente del Genio civile Vittorio Di Biase, l’ex segretario dell’ufficio di presidenza regionale Claudio Ruffini e il dirigente comunale Guido Dezio. Tutti gli imputati erano accusati di abuso di ufficio e falso in atto pubblico. L’accusa, rappresentata dal procuratore capo Massimiliano Serpi e dal procuratore aggiunto Anna Rita Mantini aveva chiesto condanne da 6 a 10 mesi.

Quello sul progetto pescarese non era l’unico procedimento che vede protagonista l’ex governatore abruzzese. D’Alfonso attualmente risulta coinvolto anche un’altra inchiesta una delibera della Regione per la realizzazione di un parco pubblico a Lanciano, vicenda per la quale i pm hanno chiesto il rinvio a giudizio. E poi c’è il caso della tragedia dell’Hotel Rigopiano. Qui l’ex governatore, insieme ad altri 21 indagati, può contare su una richiesta di archiviazione alla quale si è opposto l’avvocato Francesco Trapella, legale del Comune di Farindola. La prima udienza davanti al gip del Tribunale di Pescara si è tenuta sempre in mattinata, alla presenza del procuratore capo Massimiliano Serpi, del sostituto Andrea Papalia e di una ventina di familiari delle vittime. “Abbiamo chiesto che ci sia l’imputazione coatta per gli indagati indicati all’interno dell’opposizione e, in via subordinata, la prosecuzione delle indagini, nel senso di raccogliere quegli elementi riferibili all’interesse pubblico, che è la ragione per la quale siamo qui”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Magistrati indagati, dal Csm sì al pensionamento anticipato del pg della Cassazione Riccardo Fuzio

prev
Articolo Successivo

Strage Bologna, l’autore della perizia su esplosione accidentale: “Interruttore? Forse placca. Ordigno non usato prima”

next