Il libro Cosa Nostra spiegata ai ragazzi è stato presentato in anteprima internazionale alla XVIII edizione del Festival del Libro Possibile di Polignano a Mare (Bari). Salvatore Borsellino ha ricordato il fratello Paolo e dei sentimenti che animano oggi il suo agire, sentimenti di rabbia per l’atteggiamento dello Stato e di amore come quello trasmessogli da Paolo

Nel 1989 Paolo Borsellino parlò di mafia in un liceo del Nord Italia, a Bassano del Grappa. Quella lezione, grazie a Paper First, è diventata un libro arricchito da documenti storici e dalla prefazione del fratello Salvatore. In uno dei passaggi in aula, quel giorno, il giudice parlò anche del ruolo e dei limiti della magistratura come possibile freno agli stretti legami tra mafia e politica. Una lezione, letta 30 dopo, quanto mai attuale. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, le mani su tre parcheggi di Malpensa: 34 arresti in 8 province. Anche un consigliere comunale di Fratelli d’Italia

next
Articolo Successivo

Cosa Nostra, Salvatore Borsellino: “Paolo è morto con la speranza nel cuore. Solo i giovani possono cambiare il paese”

next