A novembre scorso quattro quindicenni hanno segregato e picchiato un coetaneo in un garage di Varese: per questo motivo sono stati condannati per tortura. È una decisione a suo modo storica quella del Tribunale per i minorenni di Milano, visto che è la prima volta che in Italia a qualcuno viene inflitta una pena per questo tipo di reato. La conferma è arrivata direttamente dal procuratore Ciro Cascone. La legge che ha introdotto nel nostro Paese il reato di tortura risale a poco più di un anno fa e, ha spiegato Cascone, “la cronaca giudiziaria ha registrato finora due sue applicazioni”, accomunate dal fatto di “essere intervenute nell’ambito di rapporti orizzontali” su soggetti non ancora maggiorenni. La prima, ha proseguito il procuratore, “è l’ordinanza del 23 novembre 2018 del Gip del Tribunale per i minorenni di Milano” che ha portato all’arresto dei quattro giovanissimi, “e per la quale oggi il Gup ha emesso sentenza di condanna“.

La seconda, ha aggiunto, “riguarda i fatti avvenuti in provincia di Taranto”, ovvero i sei minorenni accusati, in concorso con altri due maggiorenni, “indiziati dei delitti di tortura aggravata, danneggiamento aggravato, violazione di domicilio e sequestro di persona”, nei confronti di un uomo di 66 anni, “individuato quale ‘bersaglio’ per le sue condizioni di minorata difesa, in quanto solo ed affetto da disturbi psichici”, e poi poi deceduto in ospedale. Al netto dell’unicità della sentenza, da registrare il commento dell’avvocato difensore del 15enne bullizzato: “Soddisfazione per la condanna equa e avvenuta in tempi brevi, una particolare attenzione al caso, come era giusto” ha detto Augusto Basilico. Il giovanissimo, vittima per ore di pestaggio e sevizie, ha riferito il legale, “sta meglio, ma rivivere la vicenda con il processo, seppur a distanza, lo ha turbato”. Poi ha concluso: “Ora si vedrà quando torneranno liberi, speriamo che per allora avranno maturato il pentimento e non ci siano più contatti con il mio assistito”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Affidi illeciti Emilia, ministro Bonafede manda gli ispettori al tribunale dei Minori di Bologna

prev
Articolo Successivo

Corruzione, non solo il gip di Ischia nell’inchiesta di Roma: “Rete ramificata”. L’arrestato: “Magistrati? Una massoneria”

next