“Non si può più stare zitti di fronte alla criminalizzazione di chi aiuta le persone in difficoltà”. Con queste parole il cantante Elio, che ieri sera a Milano ha messo in scena “Il Flauto Magico” in occasione del venticinquesimo anniversario di Emergency (qui la diretta dell’evento), ha commentato la vicenda della nave Sea Watch: “Se mi avessero detto 25 anni fa che chi aiuta le persone in difficoltà sarebbe stato perseguibile, avrei risposto ‘ma tu sei scemo’ e invece lo scemo forse sono io perché è accaduto proprio questo”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano Pride, da Deliveroo a Just Eat: critiche per gli sponsor della parata Lgbt. ‘Ama chi vuoi, basta che ti lasci sfruttare’

next
Articolo Successivo

Milano Pride, sfilano anche esponenti M5s. Polemiche al corteo: “Incoerenti, sciolgano alleanza con Lega razzista”

next