“Mentre il governo ci fa le promesse, noi fattorini continuiamo a morire per strada”. Nella giornata dello sciopero dei rider, a Milano sono scesi in piazza una ventina di lavoratori del settore food delivery, le consegne di cibo a domicilio: “Tanti nostri colleghi hanno paura a metterci la faccia per le possibili ritorsioni dell’azienda, anche io ho paura”, denunciano gli attivisti che si sono ritrovati in piazza XXV aprile. “Siamo i nuovi schiavi: quello che che chiediamo è un salario minimo garantito, assistenza e previdenza”.

Lo sciopero è stato indetto dalle 17.30 alle 21.30 da Deliverance Milano che ha invitato altre città italiana a partecipare. Gli slogan pubblicati sul volantino della manifestazione sono: “Il tempo delle attese è finito, è ora di lottare. Pretendi i tuoi diritti, più soldi per tutti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista