“Mentre il governo ci fa le promesse, noi fattorini continuiamo a morire per strada”. Nella giornata dello sciopero dei rider, a Milano sono scesi in piazza una ventina di lavoratori del settore food delivery, le consegne di cibo a domicilio: “Tanti nostri colleghi hanno paura a metterci la faccia per le possibili ritorsioni dell’azienda, anche io ho paura”, denunciano gli attivisti che si sono ritrovati in piazza XXV aprile. “Siamo i nuovi schiavi: quello che che chiediamo è un salario minimo garantito, assistenza e previdenza”.

Lo sciopero è stato indetto dalle 17.30 alle 21.30 da Deliverance Milano che ha invitato altre città italiana a partecipare. Gli slogan pubblicati sul volantino della manifestazione sono: “Il tempo delle attese è finito, è ora di lottare. Pretendi i tuoi diritti, più soldi per tutti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, dl Crescita allarga la platea. Di Maio: “Nuovo calcolo Isee, più accessibile per chi ha perso lavoro”

prev
Articolo Successivo

Medicina, i pochi posti in specialità sono un guaio per tutti. E intanto la gente rinuncia alle cure

next