“Mentre il governo ci fa le promesse, noi fattorini continuiamo a morire per strada”. Nella giornata dello sciopero dei rider, a Milano sono scesi in piazza una ventina di lavoratori del settore food delivery, le consegne di cibo a domicilio: “Tanti nostri colleghi hanno paura a metterci la faccia per le possibili ritorsioni dell’azienda, anche io ho paura”, denunciano gli attivisti che si sono ritrovati in piazza XXV aprile. “Siamo i nuovi schiavi: quello che che chiediamo è un salario minimo garantito, assistenza e previdenza”.

Lo sciopero è stato indetto dalle 17.30 alle 21.30 da Deliverance Milano che ha invitato altre città italiana a partecipare. Gli slogan pubblicati sul volantino della manifestazione sono: “Il tempo delle attese è finito, è ora di lottare. Pretendi i tuoi diritti, più soldi per tutti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, dl Crescita allarga la platea. Di Maio: “Nuovo calcolo Isee, più accessibile per chi ha perso lavoro”

next
Articolo Successivo

Medicina, i pochi posti in specialità sono un guaio per tutti. E intanto la gente rinuncia alle cure

next