Danilo Coppe, l’esplosivista titolare della Siag di Parma che si è occupata dell’abbattimento controllato, aveva avuto incarico da Autostrade nel 2003 di demolire il Morandi. Lo ha detto lo stesso Coppe durante la conferenza stampa dopo le operazioni di questa mattina, rivelando che poi il progetto non era stato eseguito perché l’operazione si era rivelata troppo costosa e complessa

“Volevano un preventivo, uno studio di fattibilità, perché costava troppo di manutenzione – ha poi spiegato il proprietario della Siag di Parma a Sky Tg24 – Sono stato anche ascoltato in procura negli scorsi mesi, erano interessati a capire se la richiesta era giunta per un possibile crollo. Ma era una questione legata ai costi di manutenzione”. Dopo le dichiarazioni di Coppe, la società Spea, controllata di Autostrade, ha spiegato che il progetto era “solo uno studio di fattibilità” finalizzato a sostituire il viadotto crollato il 14 agosto 2018 “per servire la Gronda”, il raddoppio autostradale nel nodo di Genova. “Opzione scartata dal dibattito pubblico nel 2008”, rimarca Spea affermando che “non c’è alcun collegamento con la sicurezza del Morandi o problemi di costi”.

La Siag, con l’ausilio del reggimento Col Moschin, si è occupata di tutte le operazioni di demolizione. Dalla scelta del quantitativo di dinamite e plastico al posizionamento degli esplosivi, fino alle tecniche di mitigazione delle polveri e dell’onda d’urto attraverso l’installazione di cannoni d’acqua, vasche e barriere idriche, teli e sacchi di sabbia. Il “colpo di grazia”, premendo il pulsante che alle 9.37 ha azionato la dinamite, lo ha dato proprio Coppe, che è stato anche il perito della nuova inchiesta sulla strage di Bologna ed è considerato uno dei massimi esperti di esplosivi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, due ragazzi disabili in gita cadono nel Naviglio: uno è morto, l’altro è grave

prev
Articolo Successivo

Salute, 851 mila italiani in cura per problemi mentali: +40mila rispetto anno precedente, oltre la metà sono donne

next