È stato arrestato in Germania uno dei presunti assalitori dell’attacco terroristico al Bataclan di Parigi del novembre 2015 nel quale morirono 90 persone: si tratta di un cittadino bosniaco di 39 anni fermato dalla polizia a Dresda. Ad annunciarlo è stata la procura della città tedesca, precisando che l’uomo è stato arrestato nella notte tra il 19 e il 20 giugno. Secondo polizia e procura, “contro il sospetto è stato spiccato mandato di arresto da parte delle autorità belghe per presunto appoggio ad un’organizzazione terroristica legata agli attacchi che hanno colpito, tra gli altri, la sala concerti del Bataclan” a Parigi. Il 39 bosniaco sospettato del fatto, destinatario di un mandato di cattura europeo, è attualmente in custodia provvisoria in attesa di estradizione.

All’arresto si è arrivati nell’ambito di un’indagine in materia di violazione della normativa sulle armi nei confronti di due suoi connazionali. E’ stato condotto dalle forze speciali della Criminalpol a Bad Duerrenberg, a sud di Halle. L’uomo non aveva con sé armi al momento dell’arresto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sea Watch, la capitana Carola Rackete: “Autorità hanno controllato. Spero facciano scendere presto migranti soccorsi”

prev
Articolo Successivo

Affidamenti illeciti di minori, 16 arresti a Reggio Emilia: “Lavaggio del cervello e impulsi elettrici ai bimbi”

next