I migranti della Sea Watch 3 di fronte al porto di Lampedusa devono essere fatti sbarcare? “Io credo assolutamente di si e poi se ne deve occupare la magistratura. Successivamente devono essere redistribuiti in diversi paesi”. A rivendicarlo l’ex deputato ed esponente di M5s Alessandro Di Battista nel corso della presentazione a Roma del suo libro “Politicamente scorretto“, edito da Paper First, intervistato dal giornalista Andrea Scanzi. Di Battista però precisa: “Il problema però va risolto alla radice. Altrimenti tra sei mesi ci ritroveremo nella stessa situazione”. Senza voler replicare sulla possibilità che il M5s commetta un errore votando il decreto Sicurezza bis (“Non mi interessano le polemiche”, taglia corto), né affondando il colpo sugli accordi con la Libia: “Da stracciare? Non è solo quello il problema”. Di Battista però ammette che l’incapacità del Movimento 5 Stelle di formare, come promesso in campagna elettorale, un nuovo gruppo al Parlamento Ue rappresenterà un problema nella possibilità di incidere sulle politiche europee, nodo immigrazione compreso: “Un fallimento per il M5s? Chi lo nega, evidente sia qualcosa di negativo. Ho sentito Castaldo, mi ha detto che non ce l’abbiamo fatta. Spero si possa sbloccare nei prossimi mesi”

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sea Watch, Salvini: “Sbarcati altri 800 migranti? Questa è battaglia di principio, con ong straniera che viola le leggi”

prev
Articolo Successivo

Governo, Di Battista: “Con Di Maio ci siamo chiariti, non ho indebolito il Movimento. Su Tav mi auguro no del M5s”

next