“Le autorità italiane sono appena salite a bordo della Sea Watch 3 impedendoci di attraccare al porto sicuro di Lampedusa. Hanno controllato la nave e i passaporti dell’equipaggio e ora attendono istruzioni dai loro superiori. Io spero veramente che facciano scendere presto i migranti soccorsi“. Lo ha spiegato, in un video pubblicato sul profilo Twitter, la capitana della nave Carola Rackete, che nel pomeriggio ha deciso di entrare in acque italiane chiedendo di far sbarcare i migranti a bordo

video Seawatch/Twitter

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sea Watch in acque italiane, Salvini: “Ong fa politica, schiero la forza pubblica”. Gdf intima alt, ma nave non si ferma

prev
Articolo Successivo

Sea Watch, manifestazione di solidarietà a Milano: “Di fronte a barbarie disobbedire è un dovere, signfica restare umani”

next