Un Consiglio dei ministri svuotato, dove alla fine saranno discussi prevalentemente i provvedimenti in scadenza. La riunione che doveva dare il via alla risposta italiana contro le evidenze sollevate da Bruxelles per evitare la procedura d’infrazione si trasforma in un nulla di fatto: il ddl di assestamento di bilancio non sarà al tavolo del cdm in programma questa sera. Il governo infatti ha scelto un’altra strategia: come fanno sapere del ministero dell’Economia, Giovanni Tria porterà in via informale la sua proposta ‘anti-procedura’ a un incontro che ci sarà venerdì a Osaka tra i ministri finanziari europei, a margine del G20. Il titolare del Tesoro incontrerà i colleghi e il commissario Ue Pierre Moscovici, in vista della riunione della Commissione Ue del 2 luglio, e “ci sarebbero le premesse” per chiudere un accordo. Anche per questo motivo, spiegano le stesse fonti del Mef, è stato rinviato, a lunedì prossimo, il via libera all’assestamento di bilancio.

“Vogliono andare a Osaka e vogliono farlo dopo” il G20 in Giappone, ha detto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, riferendosi implicitamente al premier Giuseppe Conte e al ministro dell’Economia. Un cambio di programma deciso dopo le tensioni nella maggioranza esplose nel vertici di martedì sull’autonomia: la Lega voleva a tutti i costi portare il testo sull’intesa con le Regioni proprio nel Consiglio dei ministri di oggi, ma il M5s ha frenato e chiesto un ulteriore momento di condivisione. L’effetto domino ha portato al mancato accordo anche sul dossier Autostrade e ora al rinvio dell’esame dei conti.

Il premier, che fin da subito si è intestato la guida della trattativa con Bruxelles insieme a Tria, ha preferito lasciare la partita aperta fino all’ultimo minuto utile. Inserendo nuove poste, se necessarie, in assestamento di bilancio anche in zona Cesarini, con interventi ad hoc da inserire sul filo, ovvero nel Cdm che si terrà alla vigilia della riunione della Commissione Ue fissata per martedì 2 luglio e chiamata a pronunciarsi sul debito italiano. A quanto apprende l’Adnkronos da fonti di governo, stasera il premier Conte salirà sullo stesso volo del ministro dell’Economia Tria e insieme studieranno le mosse necessarie ad evitare la procedura.

L’assestamento di bilancio che doveva essere discusso è il documento che il ministro dell’Economia presenta alle Camere entro il 30 giugno di ciascun anno e che appunto “assesta” i conti dopo il primo semestre, correggendoli rispetto a quelle che erano le previsioni della manovra. In questo caso il ddl si inseriva però in un pacchetto messo a punto dal Mef, insieme a un dossier di tecnico, da presentare alla Commissione Ue dimostrando una riduzione del deficit significativa, fino a 8 miliardi, frutto dei dividendi di Cdp e Bankitalia, delle maggiori entrate per la fatturazione elettronica e le operazione di recupero fiscale, così come delle minori spese per reddito di cittadinanza e quota 100.

Il dossier dovrebbe dare maggior peso alla posizione italiana, tanto che ieri (martedì, ndr) lo stesso ministro Tria si era mostrato per la prima volta ottimista: “Non vedo ostacoli per un accordo”. Un ottimismo ribadito oggi dal Tesoro, convinto che i numeri saranno decisivi sul tavolo del negoziato con la Ue. Dopo il G20 di Osaka, i prossimi appuntamenti saranno la decisione della Commissione Ue del 2 luglio e poi l’Ecofin del 9 luglio. Al termine dei vertici in Giappone, il ddl di assestamento dovrebbe tornare sul tavolo del Consiglio dei ministri per il primo luglio, probabilmente accompagnato da una relazione al Parlamento, come ha spiegato il sottosegretario Giorgetti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sea Watch, Salvini: “Comandante è sbruffoncella che fa politica sulla pelle dei migranti”

prev
Articolo Successivo

Sea Watch viola il divieto di entrare nelle acque italiane: ecco cosa prevede la legge

next