Rendo omaggio ai miei predecessori che sono qui e a Jacques Delors di cui non c’è bisogno di dirne il valore. Ognuno di noi ha scritto una bella pagina della storia europea. E voglio rendere omaggio ai funzionari pubblici europei, senza di loro non avremmo potuto fare niente. Sono fiero d’esser stato una piccola parte di un qualcosa di più grande. Così, commuovendosi, il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, nel suo discorso durante la presentazione del volume “Commissione europea 1986-2000: storia e ricordi di una istituzione” oggi in Commissione europea con Romano Prodi e José Manuel Barroso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Etiopia, ucciso il generale a capo del fallito colpo di Stato. Governo: “Situazione totalmente sotto controllo”

next
Articolo Successivo

Iran: ‘Sanzioni chiudono via diplomatica’. Bolton: ‘Aperti al dialogo’. Teheran all’Onu: ‘Ecco le prove sul drone Usa’

next