Lesioni e maltrattamenti. Sono queste le cause della morte della bimba di otto mesi deceduta sabato notte a Sant’Egidio del Monte Albino, in provincia di Salerno. Arrestato il padre della piccola, Giuseppe Passariello. Le accuse, per cui è indagata anche la moglie, sono omicidio volontario, ripetuti maltrattamenti, lesioni e omissione di soccorso. L’uomo è stato fermato dalla squadra mobile nella serata di lunedì per pericolo di fuga. La piccola Iolanda era arrivata all’ospedale di Nocera Inferiore con ecchimosi, lesioni ed escoriazioni. Non è stato possibile salvarla. Domenica i genitori, assistiti dagli avvocati Vincenzo Calabrese e Ilaria Ruocco, hanno fornito dichiarazioni agli investigatori. Nella giornata di martedì si attende l’esito dell’autopsia per verificare se quei racconti troveranno conferma. Il secondo figlio della coppia, di quattro anni, è stato affidato ai nonni.

L’abitazione dove la famiglia viveva da qualche anno con i suoi due figli è stata posta sotto sequestro. Ad aiutare i coniugi, come confermato dal sindaco Nunzio Carpentieri, era il nonno paterno che spesso restava in casa con loro: “I nostri servizi sociali avevano convocato la mamma e il nonno. Ci hanno sempre raccontato delle difficoltà economiche che aveva la famiglia ma nient’altro. Purtroppo abbiamo perso tutti. Io ho perso come padre, come cittadino e come sindaco. Abbiamo fatto tutti i passaggi ma probabilmente qualcosa non ha funzionato”. Intanto proseguono gli accertamenti da parte dei poliziotti, coordinati dal sostituto procuratore Roberto Lenza.

La coppia si era trasferita a Sant’Egidio del Monte Albino da circa un anno e mezzo. I due genitori sono originari di Pagani e Angri. Sui gradini dell’abitazione di San Lorenzo a Sant’Egidio, domenica, sono stati deposti fiori bianchi. I vicini raccontano di diversi litigi e di aver sentito più volte i bambini piangere: “Certo che sapevamo che la famiglia aveva problemi e lo sapeva anche il Comune ma nessuno avrebbe mai immaginato che si arrivasse a questo punto. Erano persone che avevano bisogno di aiuto ma probabilmente non è stato fatto abbastanza o non si è intervenuto con tempestività”. Gli investigatori stanno ascoltando vicini di casa, parenti e assistenti sociali  per chiarire l’entità delle liti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, scavalca cancellate de La Sapienza per partecipare a un party notturno non autorizzato: 26enne muore infilzato

next
Articolo Successivo

La Spezia, abusi su una bambina di dieci anni: arrestato il vicino di casa 65enne

next