Matteo Beretta ha 27 anni e da dicembre gestisce un negozio di cannabis light ad Arcore. “Il sogno di una vita – racconta il ragazzo che ha deciso di lasciare un lavoro a tempo indeterminato per fare della propria passione un lavoro – mi sono indebitato fino a quarant’anni per aprire il negozio, ma volevo farlo e ci sono riuscito”. Dopo la sentenza della Cassazione e il proclama del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che ha dichiarato di “voler chiudere i cannabis shop”, la prima reazione del commerciante è stata di paura. Ma con il passare dei giorni ha scelto di rimanere aperto e di rispondere con ironia al ministro. È nata così la ‘Salvinia’, una tipologia di cannabis light dedicata provocatoriamente al leader leghista: “Una varietà ad alto contenuto di cbd, ma che rientra nei limiti dello 0,5 di thc. Noi non siamo spacciatori come ci dipinge il ministro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, violenta rissa in strada dopo l’incidente: uomo prende a calci una ragazza. Il video al vaglio della Polizia

next
Articolo Successivo

Sea Watch, ricorso a Strasburgo: ‘Italia consenta sbarco’. Ue: ‘Stati siano solidali’ Salvini: ‘Ci pensino Olanda e Germania’

next