Sono state ancora una volta le telecamere nascoste posizionate dalla polizia ad immortalare i continui episodi di maltrattamenti ai danni di bambini messi in atto da tre mastre di un asilo nido di Rodengo Saiano, in provincia di Brescia. Tutto è iniziato alla fine del 2018 su segnalazione di un genitore che aveva constatato alcune problematiche comportamentali nel figlio e dalle dichiarazioni di una ex dipendente che si era dimessa dalla struttura proprio dopo aver assistito ai comportamenti di sue colleghe.

Dalle immagini riprese dalle telecamere e dalle intercettazioni ambientali si vedono le tre insegnanti dire parolacce ai bambini, spintonarli e impartire loro punizioni ritenute eccessive dall’accusa, come il mancato cambio del pannolino o la sottrazione del cibo. Per questo ora le donne sono state arrestate con l’accusa di maltrattamenti aggravati e il gip del tribunale di Brescia ha disposto per loro l’obbligo di firma.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Migranti, portavano giovani nigeriane in Italia per farle prostituire: 4 persone arrestate per tratta di esseri umani

next