“L’azienda ha dato massima apertura alle indicazioni del ministro Luigi Di Maio. A partire dalla settimana prossima siamo pronti a lavorare concretamente per trovare una soluzione che assicuri il massimo livello di occupazione e altrettanto assicuri la continuità dell’assetto industriale”. A precisarlo, il responsabile della comunicazione di Whirlpool ItaliaAlessandro Magnoni, al termine dell’incontro tenutosi oggi al Ministero dello sviluppo Economico.
Il tavolo si era aperto con le parole del ministro Luigi Di Maio, che aveva precisato come, dopo le interlocuzioni “non soddisfacenti”, la decisione di revocare gli incentivi fosse un “atto doveroso”. Poi, l’azienda ha precisato di non volersi disimpegnare da Napoli, tanto che lo stesso ministro – che non ha rilasciato alcun commento ai cronisti – ha poi rivendicato via Facebook: “L’azienda oggi al tavolo ha detto per la prima volta che non si disimpegnerà più dallo stabilimento. Ci aspettiamo risposte entro la settimana prossima”.  Sulla stessa linea i sindacati: “Diamo all’azienda una settimana per portare al ministero una proposta accettabile che salvaguardi il lavoro di tutti”, ha rivendicato Barbara Tibaldi della Fiom Cgil. Per poi spiegare: “Come intenderà non disimpegnarsi dovrà spiegarcelo, ma intanto l’impegno dell’azienda è che Napoli non chiude”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Whirlpool, Di Maio dopo il tavolo al Mise: “No a chiusura a Napoli è presupposto per il dialogo. Ora mi aspetto soluzioni”

prev
Articolo Successivo

Bologna, le Maschere Bianche contro lo sfruttamento dei lavoratori. Annunci, proteste e raid ai piedi delle Torri

next