Microsoft si presenta all’E3 2019 di Los Angeles con una lunga lista di nuovi videogame, e con i dettagli sulla prossima console per il gaming, nome in codice Xbox Scarlett, che arriverà a fine 2020. L’annuncio ufficiale dissipa qualsiasi dubbio emerso in mesi di indiscrezioni: tecnicamente parlando la configurazione comprende un processore AMD Zen 2 con, scheda grafica AMD Navi, 6 GB di memoria RAM, archiviazione su unità SSD. Rispondono all’appello il Ray Tracing e il supporto all’8K e fino a 120 fotogrammi al secondo.

Per i non addetti ai lavori, il ray tracing è una tecnica che migliora la qualità dell’immagine nei videogiochi. Interessa l’illuminazione delle scene, rendendo i riflessi molto più reali, in quanto tutti gli oggetti interagiscono con la luce. Di conseguenza anche le ombre, le trasparenze e tutti gli elementi ambientali concorrono al risultato finale, proprio come avviene con la luce solare nella realtà.

 

Sulla carta l’equipaggiamento di Xbox Scarlett sembra molto simile a quello di PlayStation 5: significa che sarà il catalogo di giochi, ancora una volta, a fare la differenza fra le due piattaforme. Ecco quindi una carrellata di annunci in ambito giochi.

La software house Obsidian Entertainment ha affascinato con il trailer di The Outer Worlds, la space-opera multipiattaforma che approderà nei negozi il 25 ottobre del 2019. Il video trasporta nella colonia più lontana della galassia, dove la quotidianità autoritaria del pianeta viene alterata dall’arrivo di una persona misteriosa. Non si sa se sia guidata da valori positivi o negativi, o semplicemente se sia uno psicopatico: tutto dipende dal giocatore. The Outer Worlds infatti riprende la struttura a scelte dei vecchi Fallout. Quello che si vede nel video lascia presupporre un gunplay molto più dinamico, che può essere alternato ad attacchi da mischia. Il tutto in un mondo di gioco variegato per ambientazioni e nemici.

The Outer Worlds

 

Bleeding Edge è invece il gioco multiplayer basato sul gioco di squadra che strizza l’occhio a Overwatch per quel che riguarda l’estetica e la struttura, ma da cui si differenzia perché si affida a tecniche legate all’arma bianca. Sarà un’esclusiva Microsoft.

 

Il titolo Ori and the Will of the Wisps si farà attendere: i fan si aspettavano un annuncio a breve termine, invece sarà distribuito l’11 febbraio 2020. A primavera 2020 sarà la volta di Minecraft Dungeons, nuovo titolo appartenente alla serie tanto apprezzata dalle nuove generazioni. Sarà un titolo multipiattaforma (incluso Nintendo Switch) – e si baserà sulla collaborazione fra 4 giocatori, sia in locale che online.

Imperdibili poi il trailer di Star Wars Jedi: The Fallen Order, che supporta anche il gameplay e quello di Cyberpunk 2077, che sarà disponibile a far data dal 16 aprile del 2020. Chi cerca qualcosa di particolare dovrebbe tenere d’occhio Spitfire, particolare per lo stile grafico che rimanda a disegni fatti mano, e Battletoads, il remake dello storico picchiaduro del 1991. Presenti anche titoli multipiattaforma come Borderlands 3, l’espansione di State of Decay 2, Dying Light 2, The Elden Ring e Tales of Arise.

Nel corso dell’evento ufficiale non sono mancati infine i dettagli su Xbox Game Pass per PC, il servizio in abbonamento che dà accesso a un ampio catalogo di giochi per Xbox One. Ecco i primi giochi che saranno aggiunti all’abbonamento: Batman Arkham Knight, Metro Exodus, Hollow Knight, Borderlands The Handsome Collection. Inoltre, è stato affermato che Xbox Game Pass su PC sarà disponibile già da oggi in versione open beta: ci sono oltre 100 giochi, tra i quali anche Emperator Rome, Football Manager 2019 e l’intera Master Chief Collection (partendo con Halo Reach, gli altri capitoli arriveranno nel corso dell’anno). Il prezzo è di 9,99 dollari al mese.